giovedì, Maggio 13, 2021
0 Carrello
Professionisti

Ingegneria meccatronica. Che cosa è la meccatronica?

Alla scoperta dell’ingegneria meccatronica. I professionisti dell’automatizzazione ingegneristica, un incrocio tra esperti in ingegneria, informatica ed elettronica.

Ingegneria meccatronica. Che cosa è la meccatronica?
444Visite

Chi sono gli esperti in ingegneria meccatronica? Gli ingegneria specializzati in meccatronica sono dei moderni alchimisti che uniscono in un unico professionista competenze e skill in ingegneria, informatica ed elettronica. La meccatronica quindi, può essere definita come un campo di studio multidisciplinare in cui si approfondiscono le competenze necessarie nell’industria manifatturiera automatizzata. All’incrocio tra meccanica, elettronica e informatica, gli specialisti della meccatronica creano sistemi robotici automatizzati che mirano a semplificare la vita delle persone e delle aziende.

Ingegneria meccatronica: la scienza che studia e progetta la robotica.

La meccatronica si occupa di robotica, di sistemi di controllo e di sistemi elettromeccanici. Se meccanica e robotica sono le tue passione, questo è sicuramente il campo di studio e di lavoro che fa per te.

Cosa fanno i professionisti della meccatronica?

Gli ingegneri meccatronici possono operare con successo in più discipline in quanto avvantaggiati da una solida base formativa. Gli specialisti di meccatronica conoscono i fondamenti dell’ingegneria meccanica ed elettrica e sono uno dei componenti fondamentali sia nei team meccanici che in quelli ingegneristici.

Cosa progettano gli ingegneri meccatronici?

Gli specialisti della meccatronica lavorano e progettano sia i grandi robot industriali, sia i più piccoli robot che trovano applicazioni nei comuni oggetti domestici. Sistemi di controllo per l’imbottigliamento o il confezionamento di prodotti alimentari e bevande, droni, progettazione di sistemi di controllo per giostre nei parchi di divertimento, sviluppo di prototipi, sono tutte operazioni che vedono in prima linea il lavoro degli ingegneri specializzati in meccatronica.

Dove lavorano gli ingegneri meccatronici?

Gli specialisti di meccatronica sono spesso impiegati in aziende in cui è necessario progettare e manutenere apparecchiature automatiche. Ciò include settori come la produzione, l’estrazione mineraria, l’aviazione, la robotica, la difesa e i trasporti. Altri specialisti meccatronici sono invece assunti all’interno di grandi aziende manifatturiere.

Quali sono le carriere che un ingegnere meccatronico può percorrere?

Una laurea in ingegneria meccatronica può favorire il raggiungimento di posizioni dirigenziali e manageriali. I luoghi di lavoro tipici per questi specialisti spaziano dai laboratori e dagli impianti di lavorazione agli uffici di progettazione tecnica.

Di quali competenze hanno bisogno gli specialisti di meccatronica?

Gli specialisti meccatronici possono vantare ampie competenze multidisciplinari, quindi sono in grado di operare in diverse discipline ingegneristiche, anche nelle branche più tradizionali.

Uno specialista di meccatronica, semplificando, è un risolutore di problemi creativo che può lavorare all’interno di team di lavoro multidisciplinari. Pensare in modo creativo è il primo passo; essere in grado di comunicare buone idee ai colleghi è invece il modo migliore per lavorare con profitto su progetti che richiedono diverse competenze.

Un’altra competenze estremamente utile nel settore e la capacità di utilizzare i software di progettazione assistita da computer (CAD) e i programmi di modellazione 3d. Un buon professionista meccatronico deve infatti essere un ottimo progettista e modellatore 3d.

Quanto guadagnano gli ingegneri meccatronici?

Secondo Recruiter, lo stipendio medio per un ingegnere meccatronico è di circa 70.000 euro. Un ingegnere meccatronico con diversi anni di esperienza invece, può arrivare a guadagnare più di 100.000 euro all’anno.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi