mercoledì, Maggio 25, 2022
0 Carrello
Professionisti

Ingegneria Chimica: chi sono e cosa fanno gli ingegneri specializzati in chimica?

Cosa studiano e in quali settori lavorano i laureati in ingegneria chimica? Attività, mansioni e percorsi di studio degli ingegneri chimici.

Ingegneria Chimica: chi sono e cosa fanno gli ingegneri specializzati in chimica?
535Visite

Ingegneria chimica: professionisti, lavoro e percorsi accademici. Gli ingegneri chimici sono dei professionisti altamente specializzati che trovano particolare collocazione professionale all’interno del macro settore industriale nelle attività di ottimizzazione dei processi produttivi chimici esistenti; nello sviluppo di nuovi materiali e di nuovi processi di produzione e nel controllo qualità, nella manutenzione delle infrastrutture che a diverse titolo sono collegate alla produzione chimica e nel macro-settore della sicurezza e della tutela ambientale.

Cosa studiano e in quali settori lavorano i laureati in ingegneria chimica? Attività, mansioni e percorsi di studio degli ingegneri chimici.

  1. Competenze laureati in ingegneri a chimica.?
  2. Sbocchi occupazionali: dove lavorano gli ingegneri chimici?
  3. Compiti, mansioni e attività pratiche dei laureati in ingegneria chimica.
  4. Percorsi di studio per diventare ingegnere chimico.
  5. Sei un ingegnere? La tua professione richiede un aggiornamento continuo?

Competenze laureati in ingegneri a chimica.

Le competenze più “scontate” di un laureato in ingegneria chimica sono quelle legate ai processi di produzione. In questo settore (in particolare nei processi di polimerizzazione, raffinazione, produzione di materiali compositi, tintoria e finissaggio, nei processi di depurazione e nel trattamento delle acque reflue ndr) gli ingegneri chimici sono coinvolti nello studio e nell’ottimizzazione delle soluzioni tecniche aventi come obiettivo, ad esempio, la riduzione delle emissioni e la migliore gestione degli scarti di produzione.

Indirettamente gli ingegneri chimici danno il loro contributo alle aziende e alle industrie che hanno come obiettivo l’aumento della produttività e il perfezionamento di un prodotto finito.

Sbocchi occupazionali: dove lavorano gli ingegneri chimici?

I settori dove un professionista in ingegneria chimica trova più facilmente lavoro è, ovviamente, quello delle industrie chimiche. Impianti petrolchimici, stabilimenti industriali per la produzione di gomme e materie plastiche, sono tutti sbocchi professionali che spesso vengono considerati quasi come scontati. In realtà, le skill di un ingegnere chimico sono particolarmente richieste anche da case farmaceutiche, industrie alimentari, società attive nella logistica specializzate nella catena del freddo e nelle industrie che si occupano di produzione e distribuzione di energia.

Compiti, mansioni e attività pratiche dei laureati in ingegneria chimica.

Un ingegnere chimico è un professionista che può vantare una vastissima gamma di competenze. Abbiamo visto sopra come le skill apprese nel corso degli anni di studio possano trovare applicazione in ambiti anche molto diversi.

Semplificando possiamo comunque affermare che tra le mansioni tipiche di un ingegnere chimico troviamo:

  • la progettazione e l’ottimizzazione dei processi di produzione chimica;
  • le consulenze e le collaborazione con progetti di ricerca e sviluppo finalizzati allo studio e all’ottimizzazione di nuovi materiali, sostanze chimiche e processi di produzione;
  • l’esecuzione di analisi chimiche di laboratori;
  • la gestione e il controllo qualità d’impianti di produzione chimica e petrolchimica;
  • la manutenzione degli impianti chimici;
  • il monitoraggio e l’analisi continua delle norme e delle linee guida legate alla sicurezza sul lavoro e alla prevenzione del rischio chimico;

Percorsi di studio per diventare ingegnere chimico.

Il percorso ovvio per diventare ingegneri chimici è quello che prevede il passaggio attraverso le aule e i corridoi dell’università. Ottenere un diploma di laurea in ingegneria chimica è fondamentale per poter svolgere la professione d’ingegnere chimico.

La conoscenza e la padronanza di materie specifiche come la chimica, la fisica, la matematica, la termodinamica, scienze dei materiali, la biochimica sono caratteristiche che un bravo ingegnere chimico, anche se alle prime armi, deve possedere se si desidera lavorare nel proprio ambito di studio.

Discorso leggermente diverso meritano invece gli ingegneri che desiderano trovare occupazione in progetti di Ricerca & Sviluppo. In questo caso è caldamente consigliato ottenere un dottorato post laurea in Ingegneria Chimica o in Ingegneria dei Materiali.

Sei un ingegnere? La tua professione richiede un aggiornamento continuo?

Unione Professionisti ti dà la possibilità di progettare e completare da solo il tuo percorso di studi, proponendoti tutti i suoi corsi, sviluppati in modalità FAD asincrona, accreditati presso il CNI.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi