• Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Ingegneri
  • News » Attualità

Risparmio energetico: al via le domande di accesso al bando per le PMI del sud

E’ partita, dallo scorso 27 Aprile, la possibilità per le imprese del Sud di presentare domanda per il contributo previsto dal bando del Decreto Ministeriale del 7 Dicembre 2016

 


Risparmio energetico: al via le domande di accesso al bando per le PMI del sud

E’ partita, dallo scorso 27 Aprile, la possibilità per le imprese del Sud di presentare domanda per il contributo previsto dal bando del Decreto Ministeriale del 7 Dicembre 2016 il quale promuove uno stanziamento di 100 milioni di euro per l’efficientamento energetico per le aziende di Campania, Calabria, Puglia e Sicilia. Le domande devono essere inviate ad Invitalia sulla piattaforma dedicata al bando. Le pmi interessate possono esibire domanda attraverso il proprio rappresentate legale o procuratore.

Al fine di presentare le istanze è necessario registrarsi alla piattaforma dedicata ai servizi online di Invitalia e indicando un indirizzo di posta elettronico ordinario. Successivamente, registrati sull’area riservata va compilata la domanda. La stessa Invitalia, ricevuta le domande effetturà le valutazioni opportune e necessarie e procederà alle erogazioni fino ad esaurimento dei fondi disponibili.

Viene specificato che il bando va ad incentivare piani di sviluppo che consentano il risparmio energetico e la riduzione delle emissioni di gas climalteranti delle pmi e dei territori del Mezzogiorno.

Al bando possono accedere le imprese che stilino piani di sviluppo inerenti ai settori di impresa qualificabili ed inerenti a risparmio energetico. Altresì possono accedere ai finanziamenti le pmi di qualunque dimensione, che siano qualificabili come a forte consumo di energia e che possano rientrare nell’elenco istituito presso il CSEA (Cassa per i servizi energetici e ambientali).

 

Il finanziamento minimo previsto è di 20 milioni di euro e prevede investimenti nelle Regioni di Basilicata, Campania, Calabria, Puglia e Sicilia, con esclusione dei progetti di ricerca, sviluppo e innovazione.






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!