giovedì, Aprile 18, 2024
0 Carrello
Attualità

C.R. Impiantistica Navale sceglie le soluzioni Wavin Hep2O per le sue barche di lusso!

Il sistema a innesto rapido in polibutilene Wavin Hep2O è una tra le soluzioni maggiormente apprezzate per la distribuzione sanitaria sia nell’ambito delle nuove costruzioni che per le ristrutturazioni

C.R. Impiantistica Navale sceglie le soluzioni Wavin Hep2O per le sue barche di lusso!
266Visite

Il sistema a innesto rapido in polibutilene Wavin Hep2O è una tra le soluzioni maggiormente apprezzate per la distribuzione sanitaria sia nell’ambito delle nuove costruzioni che per le ristrutturazioni. Sinonimo di affidabilità e sicurezza da oltre 40 anni, il sistema offre la massima praticità d’uso grazie alla tecnologia In4SureTM, che consente di riconoscere il corretto inserimento del tubo in maniera ancora più immediata, e al sistema di smontaggio HepKeyTM, che favorisce una semplice e sicura rimozione del raccordo. Non è un caso che Wavin Hep2O sia stato scelto da moltissime aziende che operano nel settore dell’edilizia residenziale e non residenziale, ma anche da imprese specializzate nella realizzazione di impianti per l’adduzione idrica all’interno di grandi imbarcazioni. È il caso, ad esempio, di C.R. Impiantistica Navale, società di Falconara Marittima, paese in provincia di Ancona, che per le sue commesse ha utilizzato il sistema a innesto rapido di Wavin.

C.R. Impiantistica Navale è stata fondata nel 2006 da Ruggiero Cortellino, dopo un’esperienza decennale nella nautica da diporto in qualità di capocantiere in note imprese nelle Marche, a Monfalcone e a Forlì.

Nel 2001, anno che nel settore della nautica viene ricordato per una crisi molto profonda paragonabile a quella dell’edilizia, ho iniziato a lavorare nei cantieri navali di Ancona come tubista navale. Successivamente mi è stato chiesto di formare una squadra e nel giro di tre mesi eravamo già in venti. Cinque anni più tardi, ho deciso di aprire la C.R. Impianstistica Navale per mettermi in gioco e costruire qualcosa di mio. All’epoca eravamo soltanto in 4, me compreso, e lavoravamo come terzisti per i grandi cantieri navali, dedicandoci alle lavorazioni meccaniche, agli impianti e all’oleodinamica. Oggi invece siamo in 70 dipendenti, distribuiti tra Ancona, Mondolfo e La Spezia, con 10 persone per i servizi amministrativi e di progettazione”. Nonostante l’elevato numero di dipendenti, secondo Cortellino la sua C.R. resta un’impresa di famiglia. “Mia moglie Raffaella e mia figlia Filomena si occupano della parte amministrativa, mentre mio figlio Michele da qualche anno mi sta affiancando come capocantiere specializzato seguendo le imbarcazioni da supervisore di bordo e controllo qualità ”.

L’impresa ha recentemente utilizzato Wavin Hep2O per la realizzazione di un sistema per la distribuzione sanitaria all’interno di una imbarcazione di lusso da oltre 40 metri presente nei cantieri navali di Ancona, che necessiterà di oltre 8 mesi per essere completamente ultimata.

“Il 2024 sarà un ottimo anno per la nostra azienda, che si tradurrà in molte più barche da realizzare”, spiega Ruggiero Cortellino. “Sulla nuova imbarcazione su cui stiamo lavorando abbiamo installato il sistema Wavin Hep2O, che utilizziamo con profitto da oltre 15 anni. Ritengo che questa tipologia di prodotto sia molto facile da installare ed estremamente affidabile, oltre a non richiedere assolutamente manutenzione e a poter essere usato su più impianti”.

L’elemento caratterizzante del sistema Wavin Hep2O è la tecnologia In4SureTM, con un design particolare del manicotto di sostegno che facilita l’inserimento del tubo all’interno del raccordo e al tempo stesso assicura una perfetta ed affidabile giunzione. La dentellatura interna stampata sul corpo del raccordo costituisce la battuta del manicotto, consentendo all’installatore di avvertire il corretto posizionamento attraverso una semplice torsione del tubo, mentre la griffa del raccordo Hep2O, realizzata in acciaio inox aisi 316 e creata per il fissaggio di tubi in polibutilene e rame, è dotata di denti angolati per facilitare il montaggio e garantire la massima tenuta.HepKeyTM è invece l’innovativo sistema che, sbloccando la griffa in acciaio, consente il rapido sfilamento del tubo dal raccordo. Nella versione standard, l’estrattore si inserisce intorno al tubo e viene compresso sul raccordo per favorirne lo smontaggio. La variante HepKey PlusTM, più lunga rispetto alla precedente, viene invece agganciata alla base del raccordo ed è consigliata nelle situazioni più scomode, favorendo lo sfilamento del tubo utilizzando una sola mano.

Seppur il sistema Wavin Hep2O venga considerato molto semplice da usare, Ruggiero Cortellino sottolinea la necessità di fare particolare attenzione in alcune fasi dell’installazione, in modo da non incorrere in errori facilmente evitabili.

Innanzitutto, cosa molto banale ma fondamentale, dico sempre ai ragazzi di aprire i sacchetti che contengono i raccordi e le tubazioni utilizzando l’apposito cutter, che è pensato per non danneggiare inavvertitamente i prodotti. In secondo luogo chiedo sempre di prestare attenzione prima di riutilizzare un raccordo, di verificarne l’integrità in tutte le sue parti, per poi applicare nuovamente l’apposito lubrificante spray. Infine, un’altra indicazione su cui pongo spesso l’accento: durante l’installazione, occorre tagliare con molta attenzione la coibentazione, per evitare di incidere il tubo stesso e provocare così potenziali perdite”. 

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi