venerdì, Aprile 19, 2024
0 Carrello
Professionisti

I 4 pilastri della Supply Chain Management e il ruolo del Supply Chain Manager

Cos’è la Supply Chain Management: quali sono i suoi 4 pilastri e chi sono i supply chain manager?

I 4 pilastri della Supply Chain Management e il ruolo del Supply Chain Manager
320Visite

La gestione della catena di approvvigionamento, o Supply Chain Management (SCM), è diventata un aspetto cruciale per le aziende in diversi settori, dalle produzioni industriali alla grande distribuzione, fino ai servizi. Ma cosa implica esattamente gestire efficacemente una Supply Chain?

  1. I 4 pilastri della Supply Chain Management
  2. Supply Chain Management: perché è importante conoscerla?
  3. Supply Chain Manager
  4. Sei un ingegnere? La tua professione richiede un aggiornamento continuo?

Cos’è la Supply Chain Management: quali sono i suoi 4 pilastri e chi sono i supply chain manager?

La Supply Chain Management (SCM) rappresenta un concetto fondamentale per le aziende di produzione, distribuzione e servizi. Essa si occupa dell’efficiente gestione dei flussi di merci, informazioni e risorse finanziarie attraverso le diverse entità della catena di fornitura, con l’obiettivo primario di potenziare le prestazioni complessive e accrescere la competitività sul mercato.

Originariamente, il focus della SCM era concentrato sulla gestione di magazzino e scorte, ma col tempo il suo ambito si è notevolmente ampliato. Oggi, la Supply Chain Management include l’integrazione logistica e verticale e si configura come una vera e propria filosofia manageriale. Questo cambiamento di prospettiva enfatizza l’importanza di una gestione olistica e integrata delle diverse fasi del processo produttivo e distributivo.

I 4 pilastri della Supply Chain Management

La gestione della Supply Chain è un processo complesso e dinamico, articolato in 4 fasi. Queste fasi – Integrazione, Operazioni, Acquisti e Distribuzione – sono interconnesse e lavorano sinergicamente per raggiungere l’obiettivo finale: la realizzazione efficace e efficiente delle attività pianificate.

  • Integrazione: il primo passo fondamentale nella gestione della Supply Chain è l’integrazione, un passaggio che coinvolge tutte le persone partecipanti al processo produttivo. L’obiettivo è quello di superare la visione frammentata del lavoro e operare come un unico team coordinato.
  • Operazioni: le operazioni quotidiane costituiscono il cuore pulsante dell’intero sistema di produzione. L’adozione di strategie di produzione snella (lean) permette di esaminare costantemente i processi produttivi alla ricerca di inefficienze e di ottimizzare le prestazioni delle apparecchiature.
  • Acquisti: la funzione acquisti garantisce la disponibilità di tutti i materiali e le risorse necessarie alla produzione. Un’efficace gestione degli acquisti implica non solo l’approvvigionamento tempestivo ma anche una pianificazione strategica, solo cosi sarà possibile evitare carenze o eccessi di stock, che potrebbero rispettivamente rallentare la produzione o gonfiare inutilmente il budget.
  • Distribuzione: la fase finale della Supply Chain riguarda la distribuzione del prodotto finito, che deve raggiungere gli scaffali dei negozi o le mani dei consumatori nel minor tempo possibile. Una gestione efficiente di questa fase si traduce nella capacità di spostare rapidamente i prodotti dal magazzino al cliente finale, massimizzando la soddisfazione del consumatore e ottimizzando i costi di trasporto e stoccaggio.

Supply Chain Management, perché conoscerla?

Una gestione ottimale della Supply Chain, sostenuta da dati in tempo reale e una visione complessiva della catena, porta a notevoli vantaggi per le aziende, migliorando l’efficienza operativa e contribuendo a una riduzione dei costi che si traduce in un incremento dei profitti. Questi benefici si manifestano in diversi modi, evidenziando l’importanza di una collaborazione e una comunicazione efficace tra tutti gli attori coinvolti nella catena di fornitura.

La collaborazione migliorata emerge grazie a un flusso di informazioni automatizzato e integrato lungo tutta la Supply Chain, superando gli ostacoli delle informazioni frammentate che possono portare alla perdita di opportunità commerciali. Questo allineamento informativo facilita la pianificazione e l’esecuzione di strategie condivise.

Il controllo della qualità viene rafforzato dall’attuazione di standard minimi di qualità e dall’adozione di linee guida di processo che assicurano l’allineamento dei fornitori con i requisiti di qualità aziendali. Audit periodici e l’analisi dei KPI permettono di valutare in modo continuo le performance e la conformità dei fornitori, assicurando prodotti e servizi di alta qualità.

L’efficienza operativa trae beneficio dall’accesso a dati aggiornati sulla disponibilità di materie prime e sugli eventuali ritardi produttivi. Disporre di piani di contingenza basati su queste informazioni consente alle aziende di minimizzare i rischi operativi, evitando situazioni di stock esaurito o ritardi nelle consegne, e mantenendo una produzione fluida e senza interruzioni.

La capacità di prevedere la domanda in modo accurato grazie a dati in tempo reale consente alle aziende di adattarsi prontamente alle variazioni delle condizioni di mercato, evitando l’effetto frusta che può avere conseguenze negative sull’intera Supply Chain. Una maggiore visibilità e reattività ai cambiamenti della domanda favorisce una gestione più agile e rispondente alle esigenze del mercato.

L’ottimizzazione delle spedizioni, attraverso la selezione delle opzioni di consegna più efficienti e cost-effective, permette di ridurre le spese logistiche e di migliorare i tempi di consegna al consumatore finale. Le risorse risparmiate possono essere reinvestite per aumentare la soddisfazione del cliente, contribuendo al contempo all’aumento dei profitti.

La riduzione dei costi generali viene realizzata attraverso una gestione più efficace delle scorte e l’ottimizzazione delle operazioni di magazzino. L’adozione di tecnologie di automazione e sistemi avanzati di gestione dell’inventario permette di minimizzare gli spazi di stoccaggio inutilizzati e i costi relativi, massimizzando l’efficienza e contribuendo alla redditività complessiva dell’azienda.

Supply Chain Manager.

Il Supply Chain Manager riveste un ruolo fondamentale nel garantire l’efficienza e la competitività aziendale, agendo come pilastro centrale nella gestione dei processi di produzione, vendita e distribuzione. Questa figura professionale è responsabile dell’intera catena di approvvigionamento, dalle trattative per l’acquisto dei prodotti fino alla supervisione delle vendite e della produzione nelle sue diverse fasi.

Definendo le specifiche dei prodotti da acquisire e gestendo il budget per l’approvvigionamento, il Supply Chain Manager svolge un ruolo decisivo nella selezione dei fornitori e nel mantenere relazioni commerciali proficue, garantendo così un flusso costante di materiali e risorse necessarie per la produzione. Oltre alla gestione degli acquisti, questa figura ha il compito di monitorare le dinamiche di vendita, pronta a intervenire su prezzi e piani di approvvigionamento qualora emergano esigenze di aggiustamento.

Sei un ingegnere? La tua professione richiede un aggiornamento continuo?

Unione Professionisti ti dà la possibilità di progettare e completare da solo il tuo percorso di studi, proponendoti tutti i suoi corsi, sviluppati in modalità FAD asincrona, accreditati presso il CNI.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi