giovedì, Settembre 23, 2021
0 Carrello
Sicurezza sul lavoro

PSC – Piano di sicurezza e di coordinamento: caratteristiche e modalità di stesura

Come scrivere un PSC Piano di Sicurezza e Coordinamento? Tra fasi di progettazione ed esecuzione, tutte le caratteristiche di un PSC!

PSC - Piano di sicurezza e di coordinamento: cosa è, come si scrive!
253Visite

Quali sono le caratteristiche principali di un buon PSC Piano di Sicurezza e Coordinamento? Organizzare e garantire la sicurezza nei cantieri edili è un obbligo morale e di legge per un professionista delle costruzioni, per questo i piani di sicurezza e coordinamento PSC non devono mai essere visti come dei banali elenchi dei rischi generali ma come una vera e propria analisi approfondita dei pericoli e degli alert che possono “saltare fuori” in un cantiere edile reale!

In questo articolo:

  1. Come scrivere un PSC Piano di Sicurezza e Coordinamento? Tra fase di progettazione ed esecuzione, tutte le caratteristiche di un PSC corretto!
  2. PSC: la stesura del Piano di Sicurezza e Coordinamento in fase di Progettazione.
  3. Imprese affidatarie, imprese esecutrici, professionisti e lavoratori. Tutti i soggetti interessati dal PSC in fase di progettazione.
  4. PSC. Stesura di un buon Piano di Sicurezza e Coordinamento in fase di esecuzione.
  5. Allineamento delle prescrizioni del PSC con le effettive attività svolte in cantiere
  6. Cosa accade se le prescrizione del PSC, Piano di Sicurezza e Coordinamento non vengono rispettate durante l’esecuzione dei lavori?
  7. Quali sono le attività e i dettagli che devono essere presi in considerazione per la stesura di un Piano Sicurezza e Coordinamento?
  8. Quali dati devono essere inseriti nel PSC?
  9. Documenti da allegare al PSC.
  10. Sei un Ingegnere e vuoi approfondire le tematiche relative al PSC de Cantiere Temporaneo o mobile di cui all’articolo 89, comma 1, lettera a) del D.Lgs 81 del 2008.

Come scrivere un PSC Piano di Sicurezza e Coordinamento? Tra fase di progettazione ed esecuzione, tutte le caratteristiche di un PSC corretto!

Il PSC Piano di Sicurezza e Coordinamento è un documento che deve essere redatto da un professionista incaricato e riguarda sia la fase di progettazione sia la fase di esecuzione.

Andando maggiormente nel dettaglio possiamo dire che un buon PSC deve essere programmato e deciso fin dalle prime fasi di progettazione e deve essere influenzato e valutato sulla base delle scelte progettuali e organizzative specifiche.

PSC: la stesura del Piano di Sicurezza e Coordinamento in fase di Progettazione.

L’obiettivo che ci si deve porre con la stesura di un Piano di Sicurezza e Coordinamento è quello di ridurre al minimo i rischi per i lavoratori bilanciando scelte progettuali come la selezione dei materiali e delle tecnologie con le scelte organizzative come la pianificazione spazio-temporale dei lavori.

Una volta redatto il PSC, il documento deve essere inviato dal committente o dal professionista che ricopre l’incarico di responsabile dei lavori a tutte le aziende che sono state invitate a presentar un’offerta per l’esecuzione dei lavori. Per quanto riguarda invece i PSC di opere pubbliche, questi devono essere inviati e portati a conoscenza di tutti gli eventuali partecipanti alla gara d’appalto.

Imprese affidatarie, imprese esecutrici, professionisti e lavoratori. Tutti i soggetti interessati dal PSC in fase di progettazione.

Decisa l’impresa affidataria, il PSC deve essere inviato da quest’ultima a tutte le imprese materialmente esecutrici (le imprese esecutrici possono valutare e se lo ritengono necessario proporre modifiche al PSC) e a tutti i professionisti e lavoratori autonomi che a vario titolo parteciperanno all’esecuzione vera e propria.

A loro volta le imprese esecutrici devono inviare il POS alle imprese affidatarie che devono darne notizia al Coordinatore in fase di esecuzione. Da questo momento in poi tutti i soggetti interessati all’opera devono seguire le linee guida previste da PSC e POS.

N.B. Prima che il PSC venga accettato dalle imprese esecutrici, il datore di lavoro di queste deve consultare il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza e a dare, se richiesti, tutti i chiarimenti del caso. In questa fase, anche l’RLS cosi come le aziende esecutrici, il rappresentante dei lavoratori può formulare e presentare proposte.

PSC. Stesura di un buon Piano di Sicurezza e Coordinamento in fase di esecuzione.

Nel corso della fase di esecuzione del lavori il PSC deve essere considerato come un vero e proprio punto di riferimento per datori di lavoro, responsabili della sicurezza, lavoratori e collaboratori che a vario titolo si trovano a compartecipare alla vita lavorativa di un cantiere.

In questa fase, al fine di tutelare e ottimizzare la sicurezza di chi lavora all’interno di un cantiere, il PSC deve essere seguito da tutti i lavoratori cosi da consentire un corretto svolgimento delle mansioni professionali all’interno del cantiere.

Allineamento delle prescrizioni del PSC con le effettive attività svolte in cantiere

La fase dell’esecuzione, per quanto riguarda un PSC, comprende tutte quelle attività che concorrono all’obiettivo di allineare le prescrizioni del Piano di Sicurezza e Coordinamento con quanto, realmente, accade nel cantiere. É responsabilità del CSE Coordinatore Sicurezza in fase esecutiva monitorare e verificare quanto le prescrizioni del Piano di Sicurezza e Coordinamento siano allineate con le effettive attività svolte in cantiere.

Cosa accade se le prescrizione del PSC, Piano di Sicurezza e Coordinamento non vengono rispettate durante l’esecuzione dei lavori?

Nel caso in cui, durante lo svolgimento dei lavori, si ravvisino incongruenze e scostamenti tra PSC e attività di cantiere è obbligatorio sospendere immediatamente i lavori e procedere con una rimodulazione del coordinamento e dell’organizzazione del cantiere.

Quali sono le attività e i dettagli che devono essere presi in considerazione per la stesura di un Piano Sicurezza e Coordinamento?

Quando ci si dedica alla stesura di un PSC bisogna considerare attentamente i rischi che l’area circostante comporta per il cantiere; i rischi che il cantiere può comportare per l’area circostante; i rischi causati dalle specifiche lavorazioni, dai materiali utilizzati e dagli impianti e attrezzature e per ultimo i rischi di interferenza tra le diverse lavorazioni di più imprese.

Quali dati devono essere inseriti nel PSC?

Il Piano Sicurezza e Coordinamento deve sempre contenere:

  • i dati del cantiere;
  • una descrizione sintetica ma completa delle attività che dovranno essere svolte nel cantiere;
  • una descrizione di come lavori e mansioni dei lavoratori dovranno essere organizzati:
  • un elenco e una descrizione dettagliata delle attrezzature da utilizzare in cantiere e un elenco completa dei numeri telefonici utili (pronto soccorso, vigili del fuoco, polizia locale).

Sul PSC devono inoltre essere indicati ed elencati tutti i nominativi dei professionisti e dei lavoratori che all’interno del cantiere edile rivestono un ruolo avente compiti di sicurezza (committente, responsabile dei lavoratori, coordinatore della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione, datore di lavoro e collaboratori esterni).

Documenti da allegare al PSC.

Una volta scritto il PSC, a questo devono essere allegati:

  • il cronoprogramma dei lavori;
  • le tavole grafiche con le spiegazione dettagliata del progetto;
  • la stima dei costi da affrontare per garantire la sicurezza in cantiere.

Sei un Ingegnere e vuoi approfondire le tematiche relative al PSC del Cantiere Temporaneo o Mobile di cui all’articolo 89, comma 1, lettera a) del D.Lgs 81 del 2008.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi