giovedì, Gennaio 20, 2022
0 Carrello
Professionisti

Ingegneri VS Economisti: i 5 pro e contro per scegliere la facoltà più adatta a voi.

Cinque preziose informazioni per risolvere la sfida ingegneri vs economisti. Tutti i pro e i contro per scegliere la facoltà più adatta a te e alle tue esigenze formative.

Ingegneri VS Economisti: i 5 pro e contro per scegliere la facoltà più adatta a voi.
327Visite

Ingegneri VS Economisti: i 5 pro e contro per scegliere la facoltà più adatta a voi. Se state affrontando l’ultimo anno di scuola superiore, o tra i vostri contatti c’è qualche maturando, sicuramente vi starete interrogando su quale sia la facoltà universitaria più adatta alle esigenze future.

Cinque preziose informazioni per risolvere la sfida ingegneri vs economisti. Tutti i pro e i contro per scegliere la facoltà più adatta a te e alle tue esigenze formative.

  1. Economisti Vs Ingegneri.
  2. Test di accesso in ingegneria VS test di accesso a economia.
  3. Quanti anni di studio?
  4. Materie del corso di laurea in ingegneria e materia della facoltà di economia.
  5. Opportunità professionali post titolo.
  6. Sei un ingegnere? La tua professione richiede un aggiornamento continuo?

Ingegneri vs economisti è una delle sfide universitarie più gettonate, una di quelle che domina i bar delle facoltà. Ma se dovete scegliere in quale facoltà trascorrere i prossimi anni, trovare i pro e i contro potrebbe essere un bel problema. Nelle prossime righe vi suggeriremo alcuni spunti per comprendere su quale delle due facoltà dovreste puntare.

Economisti Vs Ingegneri.

Ingegneri VS Economisti: come vi vedete tra vent’anni?

Rispondere a questa semplice domanda dovrebbe aiutarvi, e non poco, a sciogliere qualche dubbio. Sapere con certezza “cosa ci piacerebbe essere una volta adulti” dovrebbe essere la vostra bussola decisionale.

Quindi. Se desiderate diventare un grande esperto di economia, lavorare a braccetto con i gradni protagonisti della finanza e avere in tasca una laurea che vi possa garantire buone opportunità lavorative, Economia è sicuramente una scelta corretta. D’altro canto, conseguire una laurea in ingegneria, nonostante la crisi del settore costruzioni, continua a rappresentare un ottima soluzione capace ancora oggi di aprire tante porte nel mondo del lavoro.

Se amate la matematica, siete curiosi e non avete problemi ad applicarvi duramente sul lavoro, ingegneria (con tutte le se branche) è una scelta da fare a occhi chiusi.

Test di accesso in ingegneria VS test di accesso a economia.

Prove d’ingresso e numero programmato all’università sono due modalità che, secondo i legislatori e gli esperti, dovrebbero migliorare la qualità del sistema formativo universitario. Accesso limitato e numero chiuso sembrerebbero migliorare le interazione e lo scambio di competenze tra docenti e alunni e quindi aiuterebbero a formare professionisti maggiormente qualificati.

Che scegliate di iscrivervi in ingegneria o in economia, sappiatelo, è molto probabile che vi troverete a dover superare un test di ingresso per l’accesso ad un corso di laurea a numero chiuso.

I test d’ammissione in Italia per accedere alle facoltà d’Ingegneria ed Economia sono spesso organizzati, entrambi, dal consorzio CISIA che ha ideato e coordina su scala nazionale i test TOLC-E per l’ammissione ai corsi di laurea in economia e i test TOLC-I per accedere ai corsi d’ingegneria.

Quanti anni di studio?

Economia e ingegneria, per quanto riguarda la lunghezza dei percorsi di studio, non hanno nessuna differenza. Entrambe la soluzioni adottano spesso il 3+2 e prevedono la discussione di una tesi finale per poter conseguire l’agognato titolo di dottore.

Dopo la triennale di ingegneria o in economia, conviene davvero continuare il percorso universitario?

Dipende. Non esiste una risposta univoca e valida per tutti. Sicuramente proseguire e conseguire una laurea specialistica è una scelta da ponderare con attenzione. La triennale in ingegneria e in economia è propedeutica all’accesso alla sezione B dei rispettivi Albi professionali, mentre per iscriversi alla sezione A, la legge, richiede un titolo di studio specialistico.

Materie del corso di laurea in ingegneria e materia della facoltà di economia.

La matematica e i “numeri” caratterizzano sicuramente entrambe la facoltà universitarie. In ingegneria sarete “costretti” a confrontarvi con calcoli matematici applicati alla fisica, alla meccanica, alla termodinamica e cosi via. In un corso di laurea in Economia invece, oltre alla matematica, vi dovrete confrontare anche con altre materie. Diritti, Economia Politica, Finanza, sono solo alcune delle materia che caratterizzano un piano di studi in economia.

Opportunità professionali post titolo.

Veniamo ora alla voce per molti più importante. Tra ingegneri ed economisti chi trova più lavoro? Con tutti i distingui del caso, possiamo sicuramente affermare che entrambe le soluzioni aprono diverse strade professionali e oggi sono tra le facoltà universitarie che danno maggiori garanzia di occupazione.

Sei un ingegnere? La tua professione richiede un aggiornamento continuo?

Unione Professionisti ti dà la possibilità di progettare e completare da solo il tuo percorso di studi, proponendoti tutti i suoi corsi, sviluppati in modalità FAD asincrona, accreditati presso il CNI.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi