mercoledì, Maggio 22, 2024
0 Carrello
Eventi

Giovedi 4 aprile al via la giornata nazionale dell’impiantistica sportiva organizzata dal CNI

La giornata nazionale dell’impiantistica sportiva, organizzata dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri, si terrà giovedì 4 aprile al CONI

Giovedi 4 aprile al via la giornata nazionale dell’impiantistica sportiva organizzata dal CNI
357Visite

Giovedi 4 aprile al via la giornata nazionale dell’impiantistica sportiva organizzata dal CNI. Le strutture sportive svolgono un ruolo cruciale nell’arricchire la cultura, il benessere e la civiltà delle comunità che le accolgono. Si osserva che le infrastrutture capaci di ospitare eventi di rilievo stimolano la crescita territoriale sotto molteplici aspetti. Tuttavia, è innegabile che l’Italia abbia incontrato ostacoli significativi in questo ambito. Fatti salvi alcuni eventi storici come i Giochi Invernali del ’56 e del 2006, i Giochi Estivi del ’60 e i Mondiali del ’90, dal secondo dopoguerra ad oggi lo stato ha scarsamente investito in nuove opere pubbliche sportive.

La giornata nazionale dell’impiantistica sportiva, organizzata dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri, si terrà giovedì 4 aprile al CONI

Rilevanti e numerose analisi economiche evidenziano come le complessità nella realizzazione di stadi di calcio principali frenino investimenti per quasi tre miliardi di euro. Questi ultimi, se attuati, potrebbero generare un impatto positivo sul PIL nazionale di quasi cinque miliardi di euro. Numerosi progetti non riescono a superare la fase preliminare, impantanati in un labirinto burocratico di autorizzazioni e pareri spesso discordanti.

Mancanza di accessibilità negli impianti sportivi di base

La situazione appare ancora più critica per gli impianti sportivi di base: circa un quinto non è accessibile ad atleti con disabilità e oltre la metà non può accogliere spettatori disabili, nonostante normative chiare e consolidate. L’ultimo censimento di Sport e Salute S.p.A svela una distribuzione geografica disomogenea degli impianti, con una prevalenza al Nord (52%) a discapito di Centro (22%) e Sud (26%). L’obsolescenza strutturale è un altro nodo critico, con la maggior parte degli impianti risalenti agli anni ’80 e soffrenti per la mancanza di manutenzione adeguata.

Investimenti per 700 milioni con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR)

In questo contesto, si attendono con speranza i benefici derivanti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) che prevede investimenti per 700 milioni di euro dedicati a “Sport e inclusione sociale”. Questi temi saranno al centro della “Giornata Nazionale dell’Impiantistica Sportiva”, promossa dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri con il patrocinio del CONI, fissata per domani giovedi 4 aprile a Roma.

L’evento mira a catalizzare l’attenzione di professionisti, decisori politici e appassionati sulle sfide e le opportunità nel settore degli impianti sportivi in Italia, incentrandosi sulle strutture di maggior rilievo e sugli impianti di base.

Importanza dell’ingegneria per la riqualificazione degli impianti sportivi

Angelo Domenico Perrini, Presidente del CNI, sottolinea l’importanza di un dialogo approfondito sull’impiantistica sportiva, riconoscendo il valore sociale dello sport e il contributo essenziale dell’ingegneria in questo settore. Sandro Catta, Consigliere CNI, enfatizza la varietà delle competenze ingegneristiche impiegate, dalle soluzioni architettoniche alle tecnologie avanzate per un’esperienza immersiva degli eventi.

Giovedi 4 aprile, Salone d’Onore del CONI, Piazza Lauro de Bosis 15, ore 9.

L’incontro si articolerà in due sessioni: la mattina sarà dedicata alle “Grandi Strutture per lo Sport e il Tempo Libero”, con focus su normative e strategie per ottimizzare gestione ed efficienza, mentre il pomeriggio si concentrerà sugli “Impianti Sportivi di base“, esplorando tematiche di pianificazione, finanziamenti e integrazione sociale. Esperti del settore e figure di rilievo, inclusi il Presidente del CONI Giovanni Malagò e il Direttore Generale della Ryder Cup 2023 Gian Paolo Montali, contribuiranno con le loro visioni, offrendo spunti vitali per un’efficace integrazione degli impianti nel contesto sociale e urbano.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi