mercoledì, Dicembre 1, 2021
0 Carrello
ProfessionistiSicurezza sul lavoro

Formatori Sicurezza: chi sono, cosa fanno, come si diventa formatori per la sicurezza (i 6 criteri per la qualifica)?

Quali sono i requisiti per diventare formatori sicurezza sul lavoro? Guida completa al mondo della formazione in tema di sicurezza sul lavoro.

Formatori Sicurezza: chi sono, cosa fanno, come si diventa formatori per la sicurezza (i 6 criteri per la qualifica)?
245Visite

Quali sono i requisiti e i criteri per diventare formatori sicurezza sul lavoro? Che mansioni e quali le leggi che regolano la formazione in tema di sicurezza? Quali i corsi di formazione da seguire e quali invece gli aggiornamenti professionali periodici che bisogna mettere in calendario se si vuole percorrere questa strada professionale?

Indice:

  1. Quali sono i requisiti per diventare formatori sicurezza sul lavoro? Guida completa al mondo della formazione in tema di sicurezza sul lavoro.
  2. Formatori Sicurezza: chi può diventare un formatore in materia di sicurezza?
  3. I 6 criteri previsti dal Legge per potersi qualificare come formatori in sicurezza!
  4. Aggiornamento professionale obbligatorio Formatori Sicurezza.
  5. Vuoi acquisire gli aggiornamenti necessari a svolgere la professione di formatore in sicurezza sul lavoro?

Le domande che ci vengono poste sul tema della formazione in tema di sicurezza sul lavoro, quasi ogni giorno, sono tantissime e dimostrano il crescente interesse che circola attorno alla figura dei formatori sicurezza.

Quali sono i requisiti per diventare formatori sicurezza sul lavoro? Guida completa al mondo della formazione in tema di sicurezza sul lavoro.

Al giorno d’oggi, sempre più ingegneri scelgono di dedicarsi alla formazione in materia di sicurezza e di avviare una carriera professionale parallela a quella tradizionale d’ingegnere.

La strada per diventare formatori in sicurezza è tracciata da diversi dettati normativi e legislativi. Le norme che regolano la materia sono diverse e per questo la comprensione risulta, per lo meno, complessa. Per diventare docente formatore in sicurezza, le fonti normative sono:

  • il D.Lgs 81/08 e l’Accordo Stato e Regioni del 2011: due leggi che concorrono a definire i contorni dell’obbligatorietà della formazione professionale per accedere alla qualifica di formatore in sicurezza;
  • il Decreto Interministeriale del 6 Marzo 2013 che invece è intervenuto a confermare le precedenti normative in tema sicurezza e formatori sicurezza. Il Decreto Interministeriale indica e precisa inoltre i criteri e i requisiti considerati necessari al fine di accedere ai percorsi formativi in sicurezza, suddividendo la materia in quattro diverse aree tematiche (Area normativa/giuridica/organizzativa; Area rischi tecnici, Titoli II, III, IV, V, VII, e XI del Decreto Legislativo n. 81/2008; Area rischi igienico-sanitari, Titoli VI, VIII, IX e X del Decreto Legislativo n. 81/2008; Area relazioni/comunicazione).

Formatori Sicurezza: chi può diventare un formatore in materia di sicurezza?

Chiunque sia in possesso (almeno ndr) di un diploma di maturità di scuola superiore può insegnare sicurezza sul lavoro! Il possesso del diploma è considerato come un prerequisito da cui partire per poter diventare formatori sicurezza.

I 6 criteri previsti dalla Legge per potersi qualificare come formatori in sicurezza!

La legge indica sei precisi criteri (bisogna soddisfarne almeno uno) per poter svolgere la professione di formatore in tema di sicurezza.

  • Primo Criterio.

Precedente esperienza come docente, per almeno 60 ore negli ultimi 3 anni, nell’area tematica oggetto della docenza.

  • Secondo Criterio.

Laurea (vecchio ordinamento, triennale, specialistica o magistrale) coerente con l’area tematica oggetto della docenza, ovvero corsi post-laurea (dottorato di ricerca, perfezionamento, master, specializzazione…) nel campo della salute e sicurezza sul lavoro, unitamente ad almeno una delle seguenti specifiche: percorso formativo in didattica, con esame finale, della durata minima di 24 ore (es. corso formazione-formatori), o abilitazione all’insegnamento, o conseguimento (presso Università od Organismi accreditati) di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione; precedente esperienza come docente, per almeno 24 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza sul lavoro; precedente esperienza come docente, per almeno 36 ore negli ultimi tre anni, anche in materie diverse dalla salute e sicurezza sul lavoro; corso/i formativo/i in affiancamento a docente qualificato, per almeno 48 ore negli ultimi 3 anni.

  • Terzo Criterio.

Attestato di frequenza, con verifica dell’apprendimento, a corso/i di formazione della durata di almeno 64 ore in materia di salute e sicurezza sul lavoro (anche organizzato/i dai soggetti di cui all’art. 32, comma 4, del Decreto Legislativo n. 81/2008 e s.m.i.) unitamente alla specifica della lettera a) e ad almeno una delle specifiche della lettera b).

Almeno dodici mesi di esperienza lavorativa o professionale coerente con l’area tematica oggetto della docenza.

Percorso formativo in didattica, con esame finale, della durata minima di 24 ore (es. corso formazione-formatori), o abilitazione all’insegnamento, o conseguimento (presso Università od Organismi accreditati) di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione; precedente esperienza come docente, per almeno 24 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza sul lavoro; precedente esperienza come docente, per almeno 36 ore negli ultimi tre anni, anche in materie diverse dalla salute e sicurezza sul lavoro; corso/i formativo/i in affiancamento a docente qualificato, per almeno 48 ore negli ultimi 3 anni.

  • Quarto Criterio.

Attestato di frequenza, con verifica dell’apprendimento, a corso/i di formazione della durata di almeno 40 ore in materia di salute e sicurezza sul lavoro (anche organizzato/i dai soggetti di cui all’art. 32, comma 4, del Decreto Legislativo n. 81/2008 e s.m.i.) unitamente alla specifica della lettera a) e ad almeno una delle specifiche della lettera b).

Almeno diciotto mesi di esperienza lavorativa o professionale coerente con l’area tematica oggetto della docenza.

Percorso formativo in didattica, con esame finale, della durata minima di 24 ore (es. corso formazione-formatori), o abilitazione all’insegnamento, o conseguimento (presso Università od Organismi accreditati) di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione; precedente esperienza come docente, per almeno 24 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza sul lavoro; precedente esperienza come docente, per almeno 36 ore negli ultimi tre anni, anche in materie diverse dalla salute e sicurezza sul lavoro; corso/i formativo/i in affiancamento a docente qualificato, per almeno 48 ore negli ultimi 3 anni.

  • Quinto Criterio.

Esperienza lavorativa o professionale almeno triennale nel campo della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, coerente con l’area tematica oggetto della docenza, unitamente ad almeno una delle seguenti specifiche: percorso formativo in didattica, con esame finale, della durata minima di 24 ore (es. corso formazione-formatori), o abilitazione all’insegnamento, o conseguimento (presso Università od Organismi accreditati) di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione; precedente esperienza come docente, per almeno 24 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza sul lavoro; precedente esperienza come docente, per almeno 36 ore negli ultimi tre anni, anche in materie diverse dalla salute e sicurezza sul lavoro; corso/i formativo/i in affiancamento a docente qualificato, per almeno 48 ore negli ultimi 3 anni.

  • Sesto Criterio.

Esperienza di almeno sei mesi nel ruolo di RSPP o di almeno dodici mesi nel ruolo di ASPP o di almeno dodici mesi nel ruolo di preposto (tali figure possono effettuare docenze solo nell’ambito del macro-settore ATECO di riferimento) unitamente ad almeno una delle seguenti specifiche: percorso formativo in didattica, con esame finale, della durata minima di 24 ore (es. corso formazione-formatori), o abilitazione all’insegnamento, o conseguimento (presso Università od Organismi accreditati) di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione; precedente esperienza come docente, per almeno 24 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza sul lavoro; precedente esperienza come docente, per almeno 36 ore negli ultimi tre anni, anche in materie diverse dalla salute e sicurezza sul lavoro; corso/i formativo/i in affiancamento a docente qualificato, per almeno 48 ore negli ultimi 3 anni.

Aggiornamento professionale obbligatorio Formatori Sicurezza.

Una volta ottenuta (nei modi che abbiamo visto appena sopra ndr) la qualifica di docenti Formatori in sicurezza sul lavoro, i professionisti qualificati dovranno seguire ogni tre anni specifici corsi di formazione e aggiornamento in materia di sicurezza della durata di almeno 24 ore e svolgere un numero minimo di 24 ore di docenze nel triennio di riferimento.

Vuoi acquisire gli aggiornamenti necessari a svolgere la professione di formatore in sicurezza sul lavoro?

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi