domenica, Aprile 14, 2024
0 Carrello
Professionisti

Coordinatore della sicurezza CSE e CSP: compiti e mansioni

CSP e CSE: il ruolo dei coordinatori per la sicurezza nei cantieri edili, compiti, differenze e importanza per la sicurezza sul lavoro secondo il D.Lgs 81/2008.

Coordinatore della sicurezza CSE e CSP: compiti e mansioni
384Visite

Coordinatore della sicurezza CSE e CSP, guida completa. Nel panorama dei cantieri edili, temporanei o permanenti, emerge la figura cruciale del coordinatore per la sicurezza, nominato dal dirigente del progetto. CSE e CSP hanno l’importante compito di orchestrare l’attività delle varie imprese incaricate dei lavori, con l’obiettivo primario di ridurre i pericoli sul posto di lavoro. La presenza di un coordinatore per la sicurezza si rivela essenziale per la corretta realizzazione delle opere, poiché le sue responsabilità sono di vitale importanza già dalla fase di progettazione e proseguono fino al completamento effettivo delle costruzioni.

  1. Differenza tra CSP e CSE
  2. Compiti del CSE
  3. Quando nominare il CSE
  4. Coordinatore sicurezza in fase di progettazione, compiti e mansioni.
  5. Le responsabilità del CSP
  6. Sei un ingegnere? La tua professione richiede un aggiornamento continuo?

CSP e CSE: il ruolo dei coordinatori per la sicurezza nei cantieri edili, compiti, differenze e importanza per la sicurezza sul lavoro secondo il D.Lgs 81/2008.

Il Testo Unico per la Sicurezza, ossia il Decreto Legislativo 81/2008, stabilisce che la figura professionale del coordinatore per la sicurezza assuma due distinti incarichi:

  • Durante la progettazione, viene identificato come coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione (CSP);
  • Durante l’esecuzione dei lavori, assume il titolo di coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione (CSE).

La distinzione tra questi due ruoli è marcata, ma non esclude la possibilità che entrambe le funzioni siano svolte dalla stessa persona o, alternativamente, da specialisti differenti. Questa dualità sottolinea l’adattabilità e la competenza richiesta per navigare efficacemente le complessità legate alla sicurezza nei cantieri, assicurando al contempo il rispetto delle normative vigenti e la tutela del benessere dei lavoratori.

Differenza tra CSP e CSE

Le figure del Coordinatore per la Sicurezza in fase di Progettazione (CSP) e del Coordinatore per la Sicurezza in fase di Esecuzione (CSE) rappresentano due pilastri fondamentali nella gestione della sicurezza sui cantieri, come delineato nel Decreto Legislativo 81/2008, specificatamente negli articoli 91 e 92.

La differenza tra queste due figure professionali è chiaramente definita in termini di compiti e responsabilità:

  • Il CSP è il professionista incaricato della redazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC), un documento cruciale che stabilisce le linee guida per garantire la sicurezza all’interno del cantiere. Il PSC non è soltanto una misura precauzionale, ma un vero e proprio strumento operativo che prevede le procedure da adottare per prevenire e proteggere i lavoratori dai potenziali rischi. Inoltre, il CSP prepara il Fascicolo Tecnico, contenente tutte le informazioni relative al progetto, inclusi i piani specifici per la prevenzione dei rischi.
  • Il CSE ha invece il compito di vigilare sull’effettiva applicazione del PSC durante l’intero periodo di realizzazione dei lavori. Questa figura professionale si assicura che tutti i lavoratori rispettino le disposizioni del piano, coordinando e monitorando l’attuazione delle procedure di sicurezza stabilite. La sua responsabilità è garantire che le pratiche di lavoro siano conformi ai requisiti di sicurezza e di prevenzione dei rischi.

La complementarità tra CSP e CSE è evidente, mentre il primo si concentra sulla fase preventiva, elaborando strategie e misure di sicurezza da implementare, il secondo assicura che queste misure siano effettivamente applicate sul campo, mantenendo un ambiente di lavoro sicuro e conforme alle normative. Questa sinergia tra progettazione preventiva e controllo esecutivo è fondamentale per la prevenzione degli incidenti e la tutela della salute dei lavoratori nei cantieri.

Compiti del CSE

L’articolo 92 del Decreto Legislativo 81/2008, noto come Testo Unico per la Sicurezza, delinea con precisione le responsabilità del Coordinatore per la Sicurezza in fase di Esecuzione (CSE) all’interno dei cantieri. Questa figura ha il compito di garantire l’applicazione e il rispetto delle norme di sicurezza, seguendo una serie di doveri specifici:

  • Verifica del rispetto del Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC). Il CSE deve assicurarsi che tutte le imprese e i lavoratori autonomi aderiscano alle regole stabilite nel PSC, applicando le procedure di lavoro corrette.
  • Controllo del Piano Operativo di Sicurezza (POS). Deve verificare che il POS sia valido e che le sue disposizioni siano in linea con il PSC, garantendo coerenza e integrità tra i documenti.
  • Allineamento tra PSC, Fascicolo e dettagli lavori. Il coordinatore deve valutare le proposte delle imprese per migliorare la sicurezza in cantiere, assicurando che queste proposte siano conformi al PSC e al fascicolo tecnico.
  • Monitoraggio del rispetto dei POS dalle imprese. È suo dovere controllare che le imprese incaricate dei lavori seguano i propri piani operativi di sicurezza.
  • Coordinamento e cooperazione tra le parti. Deve favorire la collaborazione tra datori di lavoro e lavoratori autonomi, promuovendo la condivisione di informazioni per una maggiore sicurezza.
  • Verifica degli accordi tra le parti sociali. Il CSE è responsabile di assicurare che gli accordi presi tra le parti sociali siano rispettati, al fine di migliorare la coordinazione e la sicurezza in cantiere.
  • Segnalazione di non conformità. Deve segnalare al responsabile dei lavori, attraverso contestazioni scritte, eventuali trasgressioni alle norme di sicurezza stabilite nel Testo Unico e nel PSC.
  • Facoltà di sospendere i lavori. Il CSE ha il potere di proporre la sospensione dei lavori, l’allontanamento di imprese o lavoratori autonomi se ritenuto necessario. In caso di persistenza dei problemi, deve segnalare la situazione all’ASL e alla Direzione Provinciale del Lavoro.
  • Monitoraggio e intervento su situazioni pericolose. Il CSE deve effettuare controlli periodici in cantiere per identificare eventuali lavorazioni pericolose e, se necessario, intervenire per mitigare i rischi.

Questi compiti evidenziano il ruolo cruciale del CSE nel mantenere un ambiente di lavoro sicuro, prevenendo incidenti e garantendo il rispetto delle normative di sicurezza in ogni fase del processo costruttivo.

Quando nominare il CSE

A mettere nero su bianco in termini e le casistiche che prevedono la nomina di un Coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione è la stessa Legge con il Decreto Legislativo 81/2008, Testo Unico per la Sicurezza, che stabilisce linee guida precise per la gestione della sicurezza nei cantieri, enfatizzando l’importanza della figura del coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione (CSE). L’articolo 90 del decreto delinea le condizioni sotto le quali è necessario nominare tale figura, offrendo istruzioni specifiche per due scenari comuni nei cantieri edili.

Nel caso di cantieri in cui siano coinvolte multiple imprese, il Testo Unico specifica che il responsabile del cantiere è tenuto a nominare un CSE prima dell’inizio dei lavori. Questa disposizione assicura che vi sia una figura competente ed esperta in grado di coordinare le attività di sicurezza sin dall’inizio, garantendo che tutte le imprese e i lavoratori autonomi operino in conformità con le norme di sicurezza stabilite.

Inoltre, l’articolo 90 comma 5 si occupa di situazioni in cui i lavori sono inizialmente affidati a un’unica impresa e, successivamente, si estendono ad includere altre aziende. In queste circostanze, il decreto impone l’obbligo di nominare un CSE. Questo requisito evidenzia l’importanza di avere una gestione della sicurezza flessibile e reattiva, capace di adattarsi all’evolversi delle condizioni di lavoro e all’entrata in gioco di nuovi attori nel cantiere.

Queste disposizioni sottolineano l’impegno del legislatore italiano nella prevenzione degli incidenti e nella tutela della salute dei lavoratori nei cantieri, riconoscendo il ruolo critico del coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione. Il CSE diventa così una figura centrale nella gestione della sicurezza, con l’obiettivo di coordinare efficacemente le diverse realtà imprenditoriali coinvolte e garantire l’adozione delle migliori pratiche di sicurezza sul lavoro.

Coordinatore sicurezza in fase di progettazione, compiti e mansioni.

Il Coordinatore per la Sicurezza in fase di Progettazione (CSP) svolge un ruolo essenziale nell’ambito della sicurezza nei cantieri, attivo da quando riceve l’incarico fino alla fase delle offerte per l’appalto. Durante questo periodo critico, il CSP ha il compito di elaborare il Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC) e il Fascicolo del fabbricato. Questi documenti sono fondamentali per garantire che le misure di sicurezza siano integrate fin dalle prime fasi della progettazione, influenzando le scelte architettoniche e costruttive in modo da minimizzare i rischi per i lavoratori.

Insieme al progettista concorda su come strutturare l’opera, garantendo che ogni aspetto della sicurezza sia considerato. Questo significa che il progetto architettonico e il PSC devono essere sviluppati in parallelo, con un costante scambio di informazioni per assicurarsi che le esigenze di sicurezza influenzino direttamente la progettazione dell’opera. L’obiettivo è quello di integrare le richieste del committente con le necessità di protezione e benessere dei lavoratori.

Le responsabilità del CSP

La sua responsabilità è valutata in base alla prevedibilità degli incidenti: in caso di infortunio, si esaminerà se l’evento era prevedibile durante la fase di progettazione e se le misure per prevenirlo erano state adeguatamente contemplate e implementate nel PSC. Questo approccio sottolinea l’importanza della diligenza e della competenza nel valutare i potenziali rischi e nel prendere le dovute precauzioni per evitarli.

Sei un ingegnere? La tua professione richiede un aggiornamento continuo?

Unione Professionisti ti dà la possibilità di progettare e completare da solo il tuo percorso di studi, proponendoti tutti i suoi corsi, sviluppati in modalità FAD asincrona, accreditati presso il CNI.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi