mercoledì, Maggio 22, 2024
0 Carrello
Professionisti

Aggiornamento professionale tecnici competenti in acustica: prorogata la scadenza

La professione del Tecnico competente in acustica in Italia, elenchi regionali e obbligo di aggiornamento professionale.

Aggiornamento professionale tecnici competenti in acustica: prorogata la scadenza
448Visite

Il Decreto Legislativo del 17 febbraio 2017, n. 42, ha introdotto un’importante normativa per la professione di Tecnico competente in acustica in Italia. Il decreto stabilisce la creazione di un Elenco nominativo dei Tecnici competenti in acustica, gestito dalle regioni o province autonome, che raccolga i dati di coloro che sono abilitati a esercitare la professione. L’iscrizione a tale elenco è cruciale per i professionisti del settore, poiché attesta la loro qualifica e competenza nel campo dell’acustica.

  1. Conseguenze mancato aggiornamento.
  2. Sospensione e cancellazione.
  3. Importanza dell’aggiornamento e della formazione continua per i tecnici competenti in acustica.
  4. Estensione termine per l’aggiornamento professionale da 5 a 8 anni.
  5. Sei un ingegnere? La tua professione richiede un aggiornamento continuo?

La professione del Tecnico competente in acustica in Italia, elenchi regionali e obbligo di aggiornamento professionale.

Uno degli aspetti fondamentali di questa normativa è l’impegno richiesto ai tecnici per mantenere aggiornate le loro competenze professionali. Secondo il decreto, i tecnici iscritti all’elenco hanno l’obbligo di partecipare, ogni 5 anni a partire dalla data di pubblicazione dell’elenco e per ogni quinquennio successivo, a corsi di aggiornamento professionale. Questi corsi devono avere una durata complessiva di almeno 30 ore, distribuite su almeno tre anni. L’obiettivo è garantire che i tecnici rimangano costantemente aggiornati sulle ultime novità e pratiche migliori nel campo dell’acustica, contribuendo così alla loro crescita professionale e alla qualità dei servizi offerti.

Conseguenze mancato aggiornamento.

Il mancato rispetto di questo obbligo di aggiornamento professionale comporta delle conseguenze significative. In primo luogo, il tecnico che non adempie a questa richiesta viene sospeso temporaneamente dall’elenco per un periodo di sei mesi. Questa sospensione rappresenta un segnale chiaro dell’importanza che viene attribuita all’aggiornamento continuo e alla formazione professionale.

Sospensione e cancellazione.

Se, al termine del periodo di sospensione, il tecnico non ha ancora documentato la partecipazione ai corsi di aggiornamento necessari per soddisfare gli obblighi di formazione, la regione o provincia autonoma di residenza procede con la cancellazione del tecnico dall’elenco.

Questa cancellazione ha implicazioni significative per la carriera professionale del tecnico, poiché perde l’abilitazione a esercitare legalmente la professione di Tecnico competente in acustica fino a quando non dimostra di aver colmato le lacune formative.

Importanza dell’aggiornamento e della formazione continua per i tecnici competenti in acustica.

Questa normativa sottolinea l’importanza dell’aggiornamento e della formazione continua nel campo della competenza acustica, riconoscendo che le competenze professionali devono essere mantenute e rinnovate nel tempo per rispondere efficacemente alle sfide e alle esigenze del settore.

La situazione descritta evidenzia una sfida notevole per i Tecnici competenti in acustica in Italia, in particolare per il quinquennio 2018-2023, a causa dell’emergenza pandemica da Covid-19. La pandemia ha avuto un impatto significativo su molti aspetti della vita professionale e quotidiana, inclusa la possibilità per i professionisti di partecipare a eventi di formazione e aggiornamento professionale. In questo contesto, il settore dell’aggiornamento professionale nel campo dell’acustica non fa eccezione, con una riduzione drastica, se non una completa assenza, di opportunità formative disponibili per lunghi periodi.

Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri, riconoscendo il rischio concreto per molti Tecnici di incorrere in provvedimenti di sospensione o addirittura di cancellazione dall’Elenco a causa dell’impossibilità di rispettare gli obblighi di aggiornamento imposti dal D.lgs 17 febbraio 2017, n. 42, ha intrapreso azioni per mitigare le conseguenze di questa situazione eccezionale. La richiesta di estensione o di proroga dei termini per l’assolvimento degli obblighi di aggiornamento rappresenta un tentativo di offrire ai Tecnici una soluzione equa che tenga conto delle circostanze straordinarie imposte dalla pandemia.

Estensione termine per l’aggiornamento professionale da 5 a 8 anni.

L’approvazione dell’emendamento al decreto-legge 30 dicembre 2023, n. 215, noto come “Milleproroghe”, rappresenta un passo significativo per la comunità dei Tecnici competenti in acustica in Italia. Questo emendamento, inserito all’articolo 12 del decreto con il comma 6-octies, estende il termine per l’aggiornamento professionale da 5 a 8 anni. Tale modifica legislativa è stata fondamentale per evitare la sospensione o la cancellazione dall’Elenco di numerosi tecnici, i quali, a causa dell’emergenza pandemica da Covid-19, si sono trovati in difficoltà a rispettare i termini originariamente previsti per il completamento delle 30 ore di aggiornamento professionale.

La pandemia ha infatti creato ostacoli significativi nell’offerta formativa, limitando le opportunità per i professionisti di adempiere ai requisiti di aggiornamento. In questo contesto, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri (CNI), con il supporto di alcuni Ordini territoriali, ha svolto un ruolo attivo nel sollecitare un intervento normativo che tenesse conto delle eccezionali circostanze vissute dai tecnici.

La soddisfazione espressa da Remo Giulio Vaudano, Vice Presidente Vicario del CNI, riflette il sollievo della comunità professionale per l’accoglimento della richiesta di proroga, che allontana il rischio di pesanti conseguenze per coloro che non erano riusciti a completare l’aggiornamento nei tempi previsti. Questa estensione dei termini è un riconoscimento delle difficoltà incontrate dai tecnici durante la pandemia e un esempio di come le istituzioni possano agire per adattarsi a situazioni impreviste e straordinarie.

Sei un ingegnere? La tua professione richiede un aggiornamento continuo?

Unione Professionisti ti dà la possibilità di progettare e completare da solo il tuo percorso di studi, proponendoti tutti i suoi corsi, sviluppati in modalità FAD asincrona, accreditati presso il CNI.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi