• Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Ingegneri
  • News » Professionisti

I magnifici otto di Messina

Otto giovani studenti di Messina si sono qualificati alla fase finale di Ebec2015

 


I magnifici otto di Messina

Sono otto ( Giovanni D'Italia, Enrico De Marco, Giuliano Di Vita ed Antonio Flaccomio, del team "Elettromatici", e Salvatore Brosio, Francesco Galati, Francesco Femia ed Antonino Papa, del team "PMC” ) e rappresentano il meglio che l’ateneo di Messina potesse mettere in mostra. Una dimostrazione di come anche nelle Università del Sud, spesso escluse dalle top ten nazionali universitarie, si offra una formazione di qualità, una formazione che può ben stare ai vertici delle classifiche ministeriali di qualità.

Sono ben 8 i giovani studenti dell’Università di Messina  qualificati per le finali nazionali della sesta edizione dell'EBEC, la più prestigiosa competizione ingegneristica europea per studenti di facoltà tecno - scientifiche, Gli otto studenti rappresenteranno l'Università degli Studi di Messina rispettivamente nelle categorie del Team Design e del Case Study. I messinesi affronteranno compagini provenienti dal Politecnico di Torino, dal Politecnico di Milano, dall'Università degli Studi di Trento, dall'Università di Roma "Sapienza", dall'Università di Roma "Tor Vergata" e dell'Università degli Studi di Napoli.

Una sorta di rivincita dell’Università del sud contro gli Atenei del nord.

I  ragazzi che hanno partecipato al progetto avevano il compito di riqualificare e puntare alla rivalutazione turistica, ambientale ed economica, la zona del Pilone.

Le idee sono state elaborate partendo dai dati ufficiali forniti dagli enti pubblici locali. Team design invece ha  realizzato un braccio meccanico, comandato idraulicamente, in grado di sollevare un parallelepipedo di legno e trasportarlo all'interno di un recipiente di dimensioni fissate.

L'evento "EBEC Messina 2015", è stato organizzato dall'associazione BEST Messina sotto il coordinamento dalla Main Organiser Laura D'Amico.

Tutto il progetto è stato reso possibile solo grazie alla stretta collaborazione tra i diversi  Dipartimenti dell'Università peloritana. 






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!