• Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Ingegneri
  • News » Attualità

Dalla Sardegna una nuova frontiera dell’energia

Una mattonella made in Sardegna promette di stupire il mondo dell’energia.

 


Dalla Sardegna una nuova frontiera dell’energia

Una mattonella made in Sardegna promette di stupire il mondo dell’energia. Immaginate di creare energia attraverso una semplice pressione esercitata dai piedi su un pavimento speciale. Questa è l’idea rivoluzionaria che due ingegneri sardi, Alessio Calcagni e Simone Mastrogiacomo, hanno sviluppato con Smart Energy Floor.

 

 

Il principio che sfrutta la startup made in Sardegna  è simile a quello dell’energia solare, solo che in questo caso la forza non è rappresentata dai raggi, ma dai piedi in movimento.

La mattonella è prodotta con un materiale di natura plastica che genera un accumulo di energia, come è facile capire il sistema di produzione di energia made in Sardegna risulta più produttivo se installato in luoghi affollati.

 

Un energia completamente made in Sardegna 

 

Attraverso questo nuova mattonella si possono ricoprire le superfici calpestabili di locali pubblici quali ospedali, centri commerciali ed altri di modo da auto-alimentarli, e quindi  auto-illuminarli energeticamente.

La start up made in Sardegna  dopo essere stata riconosciuta tra i 30 finalisti del premio Edison Start 2014, è stata invitata a Stoccarda per il “Green Innovation and Investment Forum”, in programma nella città tedesca proprio in questi giornii.

Il “Green Innovation and Investment Forum” di Stoccarda è uno dei più importanti eventi europei dedicati al matching tra investitori e startup sull’innovazione come ecosostenibilità, sulle energie alternative, sullo smart building.

“Smart Energy Floor” è stata selezionata, insieme ad altre 19 startup provenienti da tutto il vecchio continente.

Grazie alla due giorni tedesca i due giovani ingegneri sardi avranno la possibilità di trovare nuovi partner con cui sviluppare il progetto ma soprattutto la possibilità di ricevere finanziamenti dagli investitori presenti.

 

Un opportunità che come è facile intuire potrebbe risultare fondamentale per accelerare lo sviluppo della tecnologia made in Sardegna






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!