giovedì, Gennaio 21, 2021
0 Carrello
Edilizia

Soluzioni Commerciali Fronius: i vantaggi del fotovoltaico

Quali sono i vantaggi che un’azienda può ottenere installando un impianto fotovoltaico fronius?

Soluzioni Commerciali Fronius
291Visite

I tetti degli edifici commerciali, dei capannoni e delle industrie rappresentano un enorme potenziale per la produzione di energia solare. Diventano anche un’opportunità conveniente quando i costi dell’energia elettrica vanno ad incidere in modo consistente sui bilanci dell’azienda. 

I vantaggi che un’azienda può ottenere installando un impianto fotovoltaico sono molteplici: 

  • Grazie al fotovoltaico è possibile sfruttare aree inutilizzate – come coperture e parcheggi – trasformandole in un vero e proprio asset per la produzione di energia elettrica da destinare al fabbisogno energetico dell’azienda; si realizza così un investimento che permette all’azienda di diventare indipendente dalle continue variazioni di prezzo dell’energia e di abbattere in maniera importante il costo della bolletta elettrica. 
  • Realizzare un impianto fotovoltaico a servizio della propria azienda significa dotarsi di un sistema che produce energia pulita, riducendo contemporaneamente l’impronta ecologica della struttura, con un importante ritorno d’immagine.
  • La conversione delle flotte di veicoli aziendali alla mobilità elettrica è in corso e presto diventerà necessario dotare le aziende di infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici; grazie alla produzione fotovoltaica esse potranno fornire energia pulita ai loro dipendenti al minor costo possibile.   

Inoltre l’impianto fotovoltaico costituisce un bene strumentale per l’azienda che sceglie di installarlo, per cui il costo sostenuto per la realizzazione è deducibile con la formula dell’ammortamento al 100% e, in più, genera un credito d’imposta con aliquota pari al 6% per 5 anni. 

Le agevolazioni fiscali, unite al risparmio in bolletta, rendono il business plan sempre più attraente con dei ROI prossimi ai 4 anni. 

Dal punto di vista tecnico, i produttori di moduli ed inverter hanno contribuito allo sviluppo di tecnologie sempre più performanti, grazie alle quali si sono anche ridotti gli ingombri complessivi degli impianti (es. con il passaggio da inverter centralizzati ad inverter di stringa).

Fronius ha scelto di puntare su questa tipologia di soluzioni proprio perché consentono di minimizzare i componenti interposti tra i moduli e l’inverter, rendendo così gli impianti più facili e veloci da installare, oltre che maggiormente performanti e sicuri.

Le soluzioni Fronius 2xEco e 3xEco, integrando gli inverter della serie Symo ed Eco in combinazioni flessibili, risultano essere anche tra le più convenienti sul mercato, grazie ad un concept di assistenza che minimizza i costi di gestione per l’intera vita dell’impianto. È possibile richiedere queste soluzioni già dotate delle opportune protezioni per eseguire il parallelo degli inverter e la connessione alla rete del distributore.

Quali sono i tratti distintivi degli inverter Froniu Symo e Fronius Eco?

Gli inverter Fronius Symo e Fronius Eco, con oltre 10.000 pezzi venduti ogni anno, sono indubbiamente riconosciuti come l’emblema di affidabilità e qualità in tutto il mondo.

Particolarmente apprezzato per la sua grande flessibilità di configurazione, Fronius Symo presenta 2 inseguitori MPPT completamente indipendenti e con ampio range di tensione.

Fronius Eco è l’inverter con la più alta densità di potenza – ben 27kW con le stesse dimensioni del modello da 20kW. La possibità di integrare anche i fusibili di protezione stringa lo rende senza dubbio il più adatto per impianti su tetti industriali.

Entrambi i modelli sono dotati di sezionatore lato DC e di una barra DIN che permette di integrare le protezioni da sovratensiane a bordo inverter. Il grado di protezione IP 66 e la ventilazione attiva li rendono particolarmente adatti ad installazioni anche all’estero degli edifici proprio in prossimità dei moduli fotovoltaici.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi