mercoledì, Aprile 8, 2020
0 Carrello
Attualità

Gli ingegneri italiani stampano in 3D le valvole per i respiratori per la lotta al Coronavirus

Quando abbiamo saputo della carenza, ci siamo immediatamente messi in contatto con l'ospedale. Abbiamo stampato alcuni prototipi. L'ospedale li ha testati e ci ha detto che funzionavano

Gli ingegneri italiani stampano in 3D le valvole per i respiratori
1.57KVisite

All’inizio del mese di marzo, il CEO di una startup italiana specializzata nella stampa 3D ha appreso che un ospedale vicino al centro dell’epidemia di coronavirus in Italia stava esaurendo un piccolo ma cruciale componente: le valvole che collegano i respiratori alle maschere di ossigeno.

La società che produce le valvole non riusciva a tenere il passo con la domanda e i medici erano alla ricerca di una soluzione.

“Quando abbiamo saputo della carenza, ci siamo immediatamente messi in contatto con l’ospedale e abbiamo stampato alcuni prototipi. L’ospedale ha testati i campioni e ci ha detto che funzionavano”, riferisce Cristian Fracassi Ingegnere Edile e Architetto, CEO di Isinnova “Una volta avita risposta abbiamo stampato 100 valvole e le abbiamo consegnate in pochissimi giorni.”

Con le forniture mediche messe a dura prova dall’epidemia di coronavirus, i professionisti della salute e i tecnici si stanno unendo online per reperire risorse di crowdfunding e forniture di attrezzature ospedaliere critiche.

“In questi giorni siamo stati contattati da un ex capo medico dell’ospedale Gardone Valtrompia, il dottor Renato Favero, che si è messo in contatto con Isinnova tramite un medico dell’ospedale di Chiari, la struttura sanitaria per la quale stavamo fabbricando le valvole di emergenza Venturi “, Scrive il team di Isinnova.

“Il dottor Favero ha condiviso con noi un’idea per affrontare la possibile carenza di maschere C-PAP ospedaliere per l’ossigenoterapia sub-intensiva, che sta emergendo come un problema concreto legato alla diffusione di COVID-19: una maschera di ventilazione di emergenza, prodotta regolando una maschera per lo snorkeling disponibile in commercio. “

Isinnova ha collaborato con Decathlon, la società francese che produce maschere da snorkeling. Il prodotto è stato smontato e studiato in modo da poter utilizzare un nuovo componente per collegare la maschera al ventilatore. Questa nuova parte è stata denominata valvola Charlotte e rapidamente prototipata utilizzando la stampa 3D stereolitografica. Mentre alcuni designer avevano già creato adattatori stampabili in 3D per trasformare le maschere da snorkeling in maschere protettive per DPI, l’innovazione chiave di Isinnova è che l’adattatore è stato modificato per collegare la maschera a un ventilatore. In questo modo il processo evolutivo della maschera è tornato al punto di partenza poiché la maschera Decathlon può essere vista come l’evoluzione del consumatore di dispositivi come la maschera Philips Fit Life, che vengono utilizzati per l’ossigenoterapia.

Il prototipo è stato testato presso l’Ospedale di Chiari, collegato al corpo del ventilatore, ha dimostrato di funzionare. L’ospedale è stato entusiasta dell’idea e ha deciso di testare il dispositivo su un paziente. Anche quel test ebbe successo.

Tuttavia, gli inventori sottolineano che né la maschera né il collegamento sono certificati e il loro uso è raccomandato solo in una situazione di estrema emergenza.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi