domenica, Luglio 21, 2024
0 Carrello
Attualità

Consolidamento fondazioni con Pali Precaricati e opere di adeguamento anti – sismico alla Scuola Primaria “DON DINO MANCINI” (FM)

Il consolidamento delle fondazioni è una di quelle opere che non può essere rimandata, quando il dissesto interessa poi una Scuola in zona sismica riveste sicuramente carattere di urgenza.

Consolidamento fondazioni con Pali Precaricati e opere di adeguamento anti - sismico alla Scuola Primaria "DON DINO MANCINI" (FM)
350Visite

Sistema impiegato per consolidare le fondazioni di una scuola. Micropali Precaricati pressoinfissi con martinetti idraulici nell’ambito dei lavori di recupero e adeguamento sismico di una Scuola Primaria nelle Marche.

Luogo delle opere: FERMO – MARCHE

Il consolidamento delle fondazioni è una di quelle opere che non può essere rimandata, quando il dissesto interessa poi una Scuola in zona sismica riveste sicuramente carattere di urgenza. In questa case history parliamo del recupero di una scuola e appunto degli interventi in fondazione che hanno contribuito al suo adeguamento sismico. Si tratta della Scuola Primaria “Don Dino Macini” di Fermo.

TIPO DI PROBLMEATICA

La problematica inerente le fondazioni è stata affrontata in questo caso con la realizzazione di micropali che trasferissero i carichi in profondità.

L’intervento è stato esteso a tutte le fondazioni della Scuola. La struttura aveva fondazioni in parte idonee al collegamento diretto dei micropali ed in parte no. I Tecnici incaricati della progettazione hanno individuato nei Pali Precaricati SYStab la tecnica meno invasiva e più corretta per poter eseguire velocemente le fondazioni profonde indispensabili per il miglioramento sismico.

CONSOLIDAMENTO DELL’INTERO EDIFICO CON I MICROPALI PRECARICATI

I Pali Precaricati SYSyab debbono essere installati e infissi nel terreno a contrasto con la struttura esistente senza l’esecuzione di prefori né estrazione di materiale dal sottosuolo. Questo naturalmente riduce l’invasività e i tempi di intervento, permettendo di operare anche internamente senza macchine operatrici.

L’intervento è stato realizzato con le seguenti fasi:

  • scavo e costruzione di un nuovo cordolo in c.a. correttamente solidarizzato alle murature esistenti, (questo solo dove la struttura non aveva fondazioni idonee al collegamento diretto con piastre in acciaio)
  • predisposizione di idonei tubi camicia all’interno del cordolo o, in alternativa, posizionamento delle piastre in acciaio direttamente sulla fondazione esistente
  • getto del nuovo cordolo
  • maturazione del getto (classici 28 giorni)
  • infissione dei pali con monitoraggio continuo delle pressioni di installazione, fino al raggiungimento delle portate/profondità di progetto
  • esecuzione delle prove di carico a gradini 
  • precarico di ogni micropalo per inibire i cedimenti primari
  • fissaggio finale di tutti i micropali al collare dei tubi camicia o alle piastre in acciaio dedicate
  • rinterro e ripristini delle pavimentazioni interne ed esterne.

VANTAGGI DEL CONSOLIDAMENTO DELLE FONDAZIONI CON I MICROPALI PRECARICATI

Il consolidamento fondazioni con micropali precaricati ha permesso di stabilizzare definitivamente l’edificio ridando sicurezza e permettendo, congiuntamente alle altre opere strutturali, il miglioramento sismico richiesto dal progetto.  

Questa metodologia di consolidamento fondazioni ha diversi vantaggi che la caratterizzano rispetto alle tecniche tradizionali:

  • tempi di messa in opera molto rapidi rispetto alle metodologie classiche
  • non produce nessun materiale di risulta
  • non vengono impiegati normalmente né fanghi né acqua (cantiere asciutto idoneo anche in ambienti stretti e interni)
  • non produce alcuna vibrazione dannosa per le sovrastrutture
  • la portata di ogni micropalo viene testata in corso d’opera
  • precarico per l’annullamento dei cedimenti primari per tutti i pali
  • possibilità di sollevamenti e recupero della planarità se la struttura lo consente e ne ha necessità.

La tecnologia SYStab ha consentito l’infissione di 56 micropali diametro 114 mm e lunghezza media 12 metri, compreso il fissaggio finale dei micropali alle piastre o ai tubi camicia annegati nel nuovo cordolo.

La metodologia di consolidamento impiegata ha consentito di operare rapidamente (10 giornate di lavoro per installazione micropali), con disagi minimi e senza produrre sollecitazioni dannose per il fabbricato scolastico.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi