• Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Ingegneri
  • News » Attualità

In rialzo la produzione nelle costruzioni: +2,9%

“Nella media del trimestre marzo-maggio l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni è aumentato dello 0,1% rispetto al trimestre precedente

 


In rialzo la produzione nelle costruzioni: +2,9%

L’Istat, con la nota diffusa ieri, ha comunicato che lo scorso Maggio, rispetto al mese precedente, l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni ha registrato un aumento del 2,7%. Nello stesso mese, gli indici di costo del settore diminuiscono dello 0,1% per il fabbricato residenziale, e dello 0,4% sia per il tronco stradale con tratto in galleria che per il tronco stradale senza tratto in galleria.

L’istituto di statistica mette in evidenza che “Nella media del trimestre marzo-maggio l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni è aumentato dello 0,1% rispetto al trimestre precedente”.

“Su base annua – continua la nota – a maggio 2017 si registra un aumento del 2,9% sia per l’indice della produzione nelle costruzioni corretto per gli effetti di calendario che per quello grezzo (i giorni lavorativi sono stati 22 come a maggio 2016)”.

Sempre come riferimento base annua viene evidenziato che gli indici del costo di costruzione sono aumentati dello 0,5% per il fabbricato residenziale, ma, altresì, sono diminuiti dello 0,1% per il tronco stradale con tratto in galleria e dello 0,2% per quello senza tratto in galleria.

L’Istat sottolinea altresì che “A maggio 2017, il contributo maggiore all’aumento tendenziale del costo di costruzione del fabbricato residenziale è da attribuire all’incremento dei costi dei materiali (+0,7 punti percentuali)”.

 

“Il contributo maggiore alla diminuzione tendenziale degli indici del costo di costruzione dei tronchi stradali, conclude la nota, deriva dal decremento dei costi della manodopera sia per quello con tratto in galleria (-0,1 punti percentuali) sia per quello senza tratto in galleria (-0,2 punti percentuali)”.






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!