• Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Ingegneri

Terremoti & prevenzione antisismica

In Sicilia su 164 progetti di restauro e progettazione antisismica approvati (su 2720 domande presentate) a Messina sono ben 58 i lavori pronti a partire.

 


Terremoti & prevenzione antisismica

Il terremoto di Messina del 1908 è considerato uno degli eventi più catastrofici del secolo scorso. Il terrificante sisma si verificò il 28 dicembre del 1908. Un epoca in cui la progettazione antisismica era ancora di la da divenire fondamentale nella formazioni di ingegneri e costruttori italiani.

La notte del 29 Dicembre, i sismografi registrarono il verificarsi di un terremoto di grande magnitudo. Ancor prima di ottenere una qualsivoglia comunicazione ufficiale, tale fu l'intensità del terremoto del 1908 che devastò Messina e Reggio Calabria che molte nazioni del mondo e l'Italia stessa, furono informate attraverso la strumentazione scientifica.  Sul posto la devastazione, causata anche e soprattutto dall’essenza di una cultura antisismica, fu quasi assoluta.

La Calabria meridionale e l'area dello Stretto di Messina da sempre conosciute come zone a elevata sismicità; risultano colpite da almeno 8 eventi sismici di magnitudo pari o superiore a 6 in epoca storica. La particolare criticità dell'area è determinata dal fatto che è sede di numerosi centri abitati tra cui due di grandi dimensioni come Reggio Calabria e Messina.

La città sicula in particolare, fu quasi interamente distrutta dal sisma. Da quel giorno migliaia di persone persero la propria casa e l’Italia comincio a fare i conti con la necessità di costruire, faticosamente, una coscienza antisismica diffusa. Dopo più di un secolo la città di Messina continua però a soffrire una condizione degli immobili non adeguata alle norme della moderna progettazione antisismica.

In Sicilia su 2720 richieste di contributo per la messa in sicurezza degli edifici privati rispetto al rischio sismico e di adeguamento alla normativa antisismica, la Regione Sicilia ha deciso di finanziarne soltanto 164.  Tuttavia sono ben 58 le strutture che vedranno a breve cominciare i lavori di adeguamento alla normativa antisismica  si trovano in riva allo Stretto.

Per questo il presidente dell’Ordine degli Ingegneri della regione Sicilia, Santi Trovato, ha manifestato apprezzamento nei confronti di Palermo, ribadendo l’impegno profuso in tale contesto: 

 

”un Ordine Professionale qualificato può collaborare con tutte le Istituzioni a rendere un valido servizio all’intera cittadinanza, contribuendo, anche se per piccoli interventi, a dare speranza ai lavoratori ed agli operatori dell’edilizia in un momento come questo di gravissima crisi economica“.






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!