• Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Ingegneri
  • News » Attualità

Patrocinio Aniem per Rebuild Italia 2016

Aniem ha patrocinato la due giorni di Rebuild Italia 2016 che si terrà a Riva del Garda il 21 e 22 Giugno 2016, dal titolo “innovare la riqualificazione e la gestione immobiliare”

 


Patrocinio Aniem per Rebuild Italia 2016

Rebuild Italia 2016 è un evento specializzato interamente dedicato all’innovazione nella riqualificazione e gestione immobiliare. Diversamente da fiere e convegni tradizionali, costituisce l’unica piattaforma interattiva e multidisciplinare di conoscenza, informazione, confronto e lavoro che coinvolge tutti i player della filiera interessati a sviluppare opportunità di business e nuovi network professionali.

Rebuild Italia 2016 giunge alla quinta edizione e quest’anno intende informare, promuovere e riflettere sui temi della riqualificazione urbana, dell’efficienza energetica, dello sviluppo immobiliare connessi con quelli della progettazione integrata, dell’industrializzazione edilizia e dell’innovazione nella finanza. “Circular, digital, social“. Sono queste le tre parole dell’evento internazionale organizzato da Habitech e Riva del Garda Fierecongressi, in partnership con Autostrada del Brennero S.p.A., Mediocredito Trentino Alto Adige, Pessina Costruzioni Spa, UniCredit Spa e Fondazione Promozione Acciaio

#circular. Le grandi sfide ambientali, l’ultima rivoluzione industriale e le nuove tecnologie stanno cambiando le regole del gioco, modificando modi consolidati sui fronti della domanda e dell’offerta. Per il settore dell’immobiliare e delle costruzioni, alle prese con i segnali di ripresa, si tratta di opportunità che devono essere attentamente valutate per le loro potenzialità e impatti. Circolarità significa non partire dalla fine della vita del prodotto ma dall’inizio, minimizzando l’uso di materie prime, riciclando materiali di scarto e valorizzando le diverse fasi di produzione. Rebuild Italia 2016 apre un capitolo dedicato all’economia circolare nella consapevolezza che le imprese potrebbero giovare di notevoli risparmi con il miglioramento delle performance. In particolare, le imprese guidate da principi di circolarità potranno conseguire livelli di efficienza e produttività ancora sconosciuti nel settore immobiliare.

#digital. La sfida energetica e quella del riuso del patrimonio esistente, già affrontate da REbuild negli anni passati, verranno prese in esame nella prossima edizione con la presentazione di altre innovative esperienze nazionali e internazionali, dopo quelle simbolo di Olanda e Germania. La novità che sarà messa sotto i riflettori sta nelle ricadute sul mercato dei servizi e della produzione industriale, rimodellati dalle tecnologie dell’informazione. Processi inattesi e sorprendenti che vedono coinvolti servizi di quartiere, mobilità pubblica e infrastrutture. L’attività di progettazione rappresenta tra gli altri esempi una via attraverso la quale le tecnologie dell’informazione permetteranno nuovi modelli imprenditoriali, prefigurando trasformazioni discontinue rispetto alla tradizionale organizzazione del mercato. REbuild propone un lavoro di ricerca, selezione e comunicazione di nuovi trend, ma concentra il suo impegno sulla comprensione dei casi, sulla messa in evidenza del valore generato, sull’analisi dei modelli dibusiness e sul successo derivato dall’interazione dei diversi protagonisti.

 

#social. L’innovazione nel riuso del patrimonio immobiliare è possibile anche per effetto di nuovi processi sociali. Famiglie unite dal desiderio di vivere in co-housing, giovani makers alla ricerca di spazi in condivisione, creativi e associazioni che operano in immobili pubblici altrimenti abbandonati: fenomeni che evidenziano comunità in grado di organizzarsi dando vita a soluzioni originali di riuso del patrimonio pubblico e privato, determinando condizioni inedite per la creazione di nuovo valore sociale e finanziario. Rebuild Italia 2016 evidenzierà e comunicherà storie, strumenti e protagonisti nell’intento di favorire una cultura e promuovere un mercato capaci di intercettare la nuova domanda.




Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!