• Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Ingegneri
  • News » Attualità

Emilia-Romagna a banda larga: via al primo bando del Governo per realizzare le reti.

Investimenti per 255 milioni in banda larga. Saranno interessati 336 Comuni Emiliani, circa un milione di abitanti, più di mezzo milione le abitazioni servite

 


Emilia-Romagna a banda larga: via al primo bando del Governo per realizzare le reti.

Un investimento pubblico di 255 milioni consentirà, entro il 2020, di raggiungere ogni Comune della regione con la banda ultra larga. Il via libera agli interventi necessari per la realizzazione delle reti in fibra ottica è confermato dalla pubblicazione, avvenuta oggi, del primo bando in Gazzetta Ufficiale.

L’Emilia-Romagna è nel primo lotto, composto da 6 Regioni, nelle quali potranno partire gli interventi per la realizzazione della banda ultra larga. Saranno interessati dagli interventi 336 Comuni della regione, per quasi 1 milione di abitanti e più di mezzo milione di abitazioni servite.

Da un punto di vista finanziario, rispetto al totale delle risorse definite, il bando pubblicato oggi impegna 238 milioni. Rispetto ai 255 complessivi, 180 milioni sono messi a disposizione dal Governo, mentre i rimanenti dalla Regione Emilia-Romagna, attraverso i Fondi europei Fesr e Feasr.

Dal punto di vista tecnico, si parla di servizi agli utenti finali fino a 100 Mega (30 mega a tutti e 100 mega all’85% della popolazione). La rete verrà data in concessione per vent’anni, ma rimarrà di proprietà pubblica.

 

 “E’ la conferma” ha commentato il presidente della Regione Stefano Bonaccini “del rispetto dell’impegno assunto nel programma di legislatura, cioè portare la banda ultra larga in tutta la regione. Oggi, grazie all'ottima collaborazione e agli accordi con il Governo, si concretizza il primo atto operativo, grazie al quale siamo nelle condizioni di confermare che entro il 2020 tutta l’Emilia-Romagna sarà servita dalla banda ultra larga, con gli evidenti benefici che da ciò conseguono anche sul versante della competitività dei nostri territori, dello sviluppo economico e dell'occupazione".






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!