• Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Ingegneri
  • News » Attualità

Accreditamento Eur-Ace corsi di laurea in ingegneria

Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri ha pubblicato il bando per il co-finanziamento dell’accreditamento EUR-ACE dei corsi di studio in Ingegneria erogati dalle Università italiane.

 


Accreditamento Eur-Ace corsi di laurea in ingegneria

 L’iniziativa nasce dall’intenzione del CNI di far sì che i corsi abbiano obiettivi coerenti con i fabbisogni formativi del mondo della professione, condivisi a livello internazionale, ed in grado di assicurare un’elevata qualità. Lo strumento più idoneo al raggiungimento di questo obiettivo è stato individuato nel marchio EUR-ACE, rilasciato nel contesto dell’European Network for Accreditation of Engineering Education (ENAEE).

“Questo bando” dice Armando Zambrano, Presidente del CNI “intende promuovere l’accreditamento EUR-ACE dei corsi di studio in Ingegneria attraverso il cofinanziamento dei costi di accreditamento. L’iniziativa ha lo scopo di avviare un percorso di rinnovamento e di utilizzo più concreto della formazione dei professionisti, avendo come fine ultimo il miglioramento delle competenze specifiche degli ingegneri”.

“Esprimiamo grande soddisfazione per l’iniziativa del CNI” afferma Vito Cardone, Presidente dell’agenzia Quacing “Ci auguriamo che possa dare un forte impulso all’accreditamento europeo dei corsi di studio di ingegneria italiani, secondo il modello EUR-ACE, alla cui definizione proprio l’Italia ha dato un contributo determinante.

Ciò consentirà al nostro paese di recuperare il gap nei confronti dei paesi europei più progrediti (Germania, Regno Unito e Francia), dove l’accreditamento è una realtà da molti anni. Mi auguro che anche le Facoltà e le Scuole di Ingegneria più piccole, che hanno problemi nel reperire i fondi necessari, sappiano cogliere la favorevole opportunità per accedere all’accreditamento, ormai indispensabile per il riconoscimento dei titoli a livello internazionale e garanzia, quindi, per la mobilità degli ingegneri”.






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!