• Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Ingegneri
  • News » Professionisti

Quattrocento milioni di euro per la competitività: favorire l’industria sostenibile e il digitale

I progetti per favorire l’industria sostenibile e il digitale devono prevedere spese comprese tra i 5 e i 40 milioni di euro

 


Quattrocento milioni di euro per la competitività: favorire l’industria sostenibile e il digitale

L'obiettivo è quello di accrescere la competitività delle imprese italiane e favorire il superamento dall’attuale fase di stagnazione economica, attraverso lo sviluppo di progetti innovativi riguardanti l’industria sostenibile e le nuove aree del digitale. I finanziamenti che dovranno dare all’Italia una nuova marcia nel settore dell’industria sostenibile,  sono stati banditi dal Ministero dello sviluppo economico con  due interventi principali:  “Agenda digitale” , “industria sostenibile

Agenda digitale & industria sostenibile

Interventi indirizzati a favorire l’industria sostenibile in Italia che seguono il primo intervento del Fondo per la crescita sostenibile, attuato nello scorso mese di Ottobre.

Agenda Digitale, nello specifico,  è diretta principalmente a cogliere le proposte di innovazione provenienti dalle imprese di piccola e media dimensione negli specifici ambiti tecnologici individuati dal programma europeo “Horizon 2020”.

Gli interventi  sono stati studiati sulla base dell’ampio interesse manifestato dalle imprese nei confronti del primo bando licenziato nel mese di Ottobre

Gli interventi “Agenda digitale” e “industria sostenibile” sono stati pensati  per completare il quadro di azione del Fondo per la crescita sostenibile, al fine di cogliere, anche, le proposte di innovazione delle imprese che prevedono la realizzazione di grandi progetti di ricerca e sviluppo e sono in grado di realizzare un vero e proprio salto di paradigma tecnologico, incidendo significativamente sulla capacità competitiva del sistema imprenditoriale.

I progetti, per poter concorrere ai finanziamenti devono prevedere spese ammissibili comprese tra i 5 e i 40 milioni di euro e devono essere relativi a specifici ambiti di intervento.

Per quanto riguarda l’ambito dell’ industria sostenibile,  le imprese devono presentare progetti che riguardino i seguenti ambiti di ricerca:

micro-nanoelettronica, fotonic,  materiali avanzati, sistemi avanzati di produzione e biotecnologia industriale.

Per “Agenda digitale” invece saranno presi in esame i progetti afferenti le tecnologie abilitanti dell’informazione e della comunicazione coerenti con le finalità dell’Agenda digitale italiana oltre ad alcuni specifici settori applicativi.

 

La dotazione finanziaria prevista dai due bandi, è  di 150 milioni di euro per “Agenda digitale” e 250 milioni di euro per Industria sostenibile.






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!