• Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Ingegneri
  • News » Urbanistica

La bellezza delle piccole cose: 100 milioni di euro per la riqualificazione dei piccoli comuni

Misure per il sostegno e la valorizzazione dei comuni con popolazione pari o inferiore a 5.000 abitanti

 


La bellezza delle piccole cose: 100 milioni di euro per la riqualificazione dei piccoli comuni

Il Disegno di legge recante “Misure per il sostegno e la valorizzazione dei comuni con popolazione pari o inferiore a 5.000 abitanti ( n. 2541 del 28 Settembre 2016)” varato dalla Camera e attinente alla valorizzazione dei piccoli Comuni, ovvero quelli con meno di 5000 abitanti, sta per essere approvato definitivamente. La Commissione Ambiente del Senato, infatti, ha dato l’assenso al provvedimento senza modifiche rispetto al testo passato alla Camera. Il Disegno di legge prevede il recupero e la riqualificazione e la messa in sicurezza dei centri italiani in abbandono.

Viene specificato che la Legge sui Piccoli Comuni prevede uno stanziamento un fondo di 100 milioni di euro per il periodo che va dal 2017 al 2023 e, altresì, un Piano Nazionale per la riqualificazione dei borghi con meno di 5000 abitanti.

Come ricordato precedentemente, con il ddl si avranno anche semplificazioni in materia di banda larga, norme sugli alberghi diffusi e sul dissesto idrogeologico, sorretti da un’idea di sviluppo che punta sui territori e sulle comunità, che coniuga storia, cultura e saperi tradizionali con l’innovazione, le nuove tecnologie e la green economy.

Il fondo dei 100 milioni sarà rivolto alle aree oggi in condizioni di maggior difficoltà e servirà per gli investimenti per l’ambiente e i beni culturali, la mitigazione del rischio idrogeologico, la salvaguardia e la riqualificazione urbana dei centri storici, la messa in sicurezza delle infrastrutture stradali e degli istituti scolastici, lo sviluppo economico e sociale, l’insediamento di nuove attività produttive.

 

Il ddl prevede, infine, che i Comuni potranno acquisire case cantoniere e ferrovie dismesse al fine di convertirle e renderle fruibili per attività di attività sociali inerenti alla protezione civile, volontariato o alternativamente la promozione dei prodotti tipici locali e turismo locale.




Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!