• Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Ingegneri

Appalti: esclusione solo per irregolarità gravi. La decisione del Consiglio di Stato

Il Consiglio di Stato chiarisce quando l'irregolarità fiscale può essere causa di esclusione dalle gare di appalto.

 


Appalti: esclusione solo per irregolarità gravi. La decisione del Consiglio di Stato

Il consiglio di stato ha deciso che in caso di appalti pubblici, l’eventuale esclusione dalle gare di una impresa per irregolarità fiscale può essere ritenuta legittima solo qualora la violazione sia grave. Se l’azienda concorrente provvede a regolarizzare la propria posizione fiscale, facendo ricorso all’istituto del ravvedimento operoso, non vi sono motivi per escluderla dalla gara di appalto.

La decisione mette finalmente chiarezza riguardo un tema ampiamente dibattuto dalla giurisprudenza italiana.

Niente esclusione quindi, è quanto chiarito dal Consiglio di Stato con la sentenza n. 4854, del 26 settembre 2014 con la quale ha accolto il ricorso di una banca presentato a causa della sua esclusione dalla gara da parte della stazione appaltante. L’esclusione era avvenuta a causa di violazioni di versamenti di carattere fiscale.

Nel caso in esame la banca aveva vinto la gara di appalto e le era stato affidato il servizio di cassa in relazione alla gestione dei “servizi sanitari socio-assistenziali e socio-sanitari integrati”, successivamente però la ASL aveva annullato il contratto stipulato, avendo accertato nella banca la mancanza del requisito di cui all’art. 38, comma 1 del decreto legislativo numero  163 del 2006 cosi come sancito dal Codice dei contratti pubblici.

Inizialmente il TAR aveva respinto il ricorso non tenendo conto, come sottolineato dalla banca al consiglio di stato, dell’ammontare modesto del debito fiscale e del fatto che questo fosse stato sanato con l’istituto del ravvedimento operoso.

I giudici del consiglio di stato  hanno successivamente concordato sulla lieve entità dell’irregolarità fiscale rilevata, e hanno accolto il ricorso della banca chiarendo che solo i debiti tributari che mettano seriamente in dubbio la complessiva affidabilità patrimoniale e professionale del concorrente, compromettendo la prospettiva di una puntuale esecuzione dell’appalto, possono essere ritenuti causa legittima di esclusione da una gara d’appalto.

 

 

 






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!