• Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Ingegneri

Messa in Sicurezza del territorio, dalla Regione Emilia Romagna un maxi pacchetto di interventi da oltre 16 milioni di euro.

La prevenzione e la messa in sicurezza del territorio si conferma al centro della strategia della regione Emilia Romagna. 68 i Comuni interessati dalle opere

 


Messa in Sicurezza del territorio, dalla Regione Emilia Romagna un maxi pacchetto di interventi da oltre 16 milioni di euro.

Sono 68 i Comuni interessati dalle opere che prevedono interventi di messa in sicurezza del territorio che vanno dalla sistemazione degli argini dei fiumi al rifacimento di ponti, al consolidamento di edifici pubblici.

“La prevenzione e la messa in sicurezza del territorio regionale “ afferma Paola Gazzolo, assessore alla difesa del suolo e della costa, protezione civile e politiche ambientali e della montagna “si conferma al centro della strategia regionale. Le nuove risorse frutto anche del lavoro comune con il ministero dell’Ambiente”.

Le risorse statali pari ad oltre 13 milioni finanziano 19 cantieri, mentre 3 milioni e mezzo di risorse regionali consentiranno la realizzazione di 51 opere urgenti per a fronteggiare i danni causati da episodi di maltempo.

Gli interventi e i finanziamenti per la messa in sicurezza del territorio suddivisi provincia per provincia.

Argine, fiume, manutenzioneMessa in sicurezza del territorio, difesa idraulica, sistemazione di versanti e arginature. E ancora: rifacimento di ponti, consolidamento di edifici pubblici, ripristino di viabilità comunale e di erosioni spondali.

La Regione Emilia-Romagna dà il via ad un maxi pacchetto di 70 interventi che vale oltre 16 milioni di euro, tra fondi nazionali e regionali, da Piacenza a Rimini. Complessivamente sono 68 i Comuni interessati.

La quota più consistente, risorse statali pari ad oltre 13 milioni, comprende 19 cantieri in altrettanti comuni. I fondi derivano dall’aggiornamento dell’accordo con il ministero dell’Ambiente del 2010, recentemente registrato dalla Corte dei Conti, che permetterà tra l’altro di utilizzare i risparmi di spesa ottenuti su lavori già conclusi.

Altri 3 milioni e mezzo di risorse regionali consentiranno la realizzazione di 51 opere urgenti di protezione civile in 49 comuni. Si tratta di interventi necessari a fronteggiare i danni causati da diversi episodi di maltempo, fra i quali i più recenti di ottobre e novembre 2016 e dei primi mesi del 2017.

A Piacenza sono previsti 11 cantieri in altrettanti comuniper quasi 3 milioni di euro, con oltre 2 milioni per la sicurezza del bacino dell’Arda e il rifacimento del ponte in località Mignano, a Vernasca; 500 mila euro serviranno al consolidamento dei versanti nell’abitato di Pecorara e 160 mila al ripristino di tratti di condotte irrigue a Pianello Val Tidone.

Nel parmense in arrivo 9 interventi in altrettanti comuni per circa 1 milione e 600 mila euro, dei quali 1 milione e 200 mila destinato al comune di Tizzano per il consolidamento dell’abitato di Capriglio.

Nel reggiano 12 cantieri in 10 comuni per più di 3 milioni 600 mila euro, con un milione e mezzo per l’adeguamento dell’arginatura maestra del Po in comune di Boretto; 318 mila euro per la sicurezza della Pietra di Bismantova, a Castelnovo né Monti e 200 mila per il ripristino del ponte sul torrente Lonza a Vetto.

In provincia di Modena 9 opere interesseranno 7 comuni, con un investimento di oltre 1 milione 100 mila euro, dei quali 600 mila per il primo stralcio dei lavori di messa in sicurezza dell’abitato di Borra, a Lama Mocogno.

Nel bolognese in programma 12 interventi in 10 comuni per quasi 5 milioni di euro, con 1 milione e mezzo per la realizzazione di un’area di espansione del torrente Ghironda a Zola Predosa; altrettanti saranno investiti per il consolidamento dei versanti a Castiglione de’ Pepoli e 500 mila euro finanzieranno il secondo stralcio della ricostruzione del ponte sul Torrente Santerno in località Carseggio, a Casalfiumanese.

Poco più di un milione è destinato alla provincia di Ferrara, quasi interamente per l’adeguamento del complesso di Valpagliaro, per la regolazione dei deflussi del sistema idraulico del Po di Volano.

Per Forlì-Cesena è stanziato oltre un milione per 4 interventi in 3 comuni, con 600 mila euro che serviranno per opere di difesa dell’abitato di Montecodruzzo.

Nel riminese, con 270 mila euro, si svolgeranno 9 lavori urgenti in altrettanti Comuni dell’entroterra, compreso Pennabilli dove è programmata la messa in sicurezza del torrente Messa e del fiume Marecchia in prossimità di Ponte Messa.

 

Al ravennate sono invece assegnati 30 mila euro per una frana a Casola Valsenio.






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!