• Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Ingegneri

Nasce Easy Collect: siglata l’intesa tra Cna Installazione Impianti e consorzio Cobat

“Easy Collect Sarà un servizio personalizzato costruito sulle esigenze degli installatori e degli impiantisti”

 


Nasce Easy Collect: siglata l’intesa tra Cna Installazione Impianti e consorzio Cobat

Il presidente di Cna Installazione Impianti, Carmine Battipaglia, e il presidente di Cobat – Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo, Giancarlo Morandi, hanno firmato nei giorni scorsi l’accordo per lanciare Easy Collect, il nuovo servizio per rendere più efficiente, semplice e conveniente la gestione dei rifiuti elettrici ed elettronici.

Questo accordo permetterà a oltre 30mila associati a Cna Installazione Impianti di usufruire in maniera semplificata e diretta dei servizi integrati di Cobat per la raccolta, il trattamento e il riciclo di Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee), inclusi moduli fotovoltaici giunti a fine vita, pile, batterie e accumulatori esausti.

 “Grazie all’accordo tra Cna e Cobat” ha affermato il presidente di Cna Installazione Impianti, Carmine Battipaglia “per le imprese del settore della installazione di impianti sarà più semplice e meno oneroso gestire i propri rifiuti rispettando le norme ambientali. La gestione di alcuni di questi rifiuti risulta, infatti, particolarmente difficoltosa per le imprese. Basti pensare che, in Italia, la quota di rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche raccolta rispetto all’immesso al consumo è solo del 30 per cento”.

“Il dialogo proficuo che abbiamo sempre avuto con Cna” ha invece dichiarato Giancarlo Morandi presidente di Cobat “ci ha permesso di elaborare un servizio personalizzato in base alle esigenze degli installatori e degli impiantisti rappresentati dall’associazione. In questo senso l’accordo è un passo importantissimo verso un’applicazione sempre più concreta dell’economia circolare: con strumenti come Easy Collect, la gestione del fine vita dei prodotti diventa più semplice, efficiente e soprattutto conveniente”.

Ogni italiano produce annualmente in media 14,7 Kg di Raee; di questi solo poco più di 4 Kg pro-capite viene raccolto e avviato al recupero in maniera corretta. Dal primo gennaio di quest’anno è scattato l’obbligo di  raccogliere almeno 45 tonnellate di Raee per ogni cento tonnellate di nuovi apparecchi immessi sul mercato che dovranno salire a 65 tonnellate su cento nel 2019. L’Italia dovrà passare da otto chilogrammi per abitante entro il 2016 a oltre 12 Kg/ab nel 2019.






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!