• Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Ingegneri
  • News » Attualità

Iuav studierà progetti relativi al fenomeno dell'acqua alta in paraguay e in Vietnam

L’occasione è stato il recente incontro “Iuav fuori dall’Italia / Academics Abroad”, che il 24 novembre scorso ha visto convergere a Venezia una trentina dei 120 laureati made in Iuav che insegnano e fanno ricerca in tutti i continenti: proprio quel giorno è stato siglato un importante accordo che riguarda la città di Asunción In Paraguay.

 


Iuav studierà progetti relativi al fenomeno dell'acqua alta in paraguay e in Vietnam

Iuav ha in atto da tempo relazioni di scambio con lo stato sudamericano, nelle cui Università insegnano anche giovani docenti formati a Venezia.

L’accordo prevede la collaborazione di Università e strutture locali per la costruzione di progetti relativi al fenomeno dell’acqua alta che interessa Asunción come Venezia.

Collaboreranno a questo progetto, oltre all’Università Iuav di Venezia, anche le due principali università del Paraguay (Universidad Catolica Nuestra Señora de la Asunción e Universidad Nacional de Asunción), la SecretarÍa de la Emergencia Nacional del Paraguay, la Municipalidad de Nanawa, comune direttamente interessato al problema, e l’Asociación Colectivo Aqua Alta di Asunción.

Un analogo accordo è in fase di costruzione con la città di Ho Chi Min City in Vietnam: anche in questo caso l’obiettivo è contribuire alla formulazione di piani di intervento architettonico e urbanistico relativi al fenomeno dell’acqua alta in aree delicate sia dal punto di vista urbano che da quello naturalistico.

 

Ha commentato il rettore Iuav, Alberto Ferlenga: “La nostra Università da tempo sta maturando azioni su vari temi legati all’acqua, che mettano a frutto le diverse competenze di cui è portatrice e quel sapere che deriva dalla lunga pratica di ricerca su Venezia. Quella con Asunción e Ho Chi Min City è una prima importante tappa nella costruzione di una serie di collaborazioni basate sulla progettualità di uno Iuav rinnovato.Al tempo stesso, è il modo migliore per dare alle celebrazioni sul 50° dell’Acqua Alta un significato attivo, sfruttando e diffondendo le conoscenze tecniche acquisite a seguito di quel tragico evento.”




Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!